post

Ritorna il tifo e il Città Di Nocera torna a vincere: Us Scafatese KO 2-0

Ritorna alla vittoria e lo fa con una prestazione maiuscola il Città Di Nocera, che al San Francesco di fronte al ritorno di uno dei gruppi storici del tifo molosso, i bothers, battono 2-0 l’Us Scafatese grazie alle reti di Aracri e Carotenuto. Gli uomini di mister Maiuri accorciano anche in classifica,mgrazie al pareggio pirotecnico di 3-3 del Sant’Agnello contro la Mariglianese, portandosi a -2
Parte fortissimo il Città Di Nocera che dopo appena 4 minuti passa in vantaggio grazie ad un’azione dei due nuovi acquisti: Apparenza sull’out di destra fa partire un grande cross dove Aracri di testa in tuffo trafigge Gallo. Sull’onda dell’entusiasmo i molossi continuano a comandare il gioco e al minuto 18 ancora uno scatenato Aracri conquista calcio di rigore: dagli 11 metri si presenta Carotenuto che a differenza delle altre volte non è lucido e si fa ipnotizzare calciando centrale e debolmente. Dopo tre minuti è sempre il bomber napoletano che da buona posizione calcia troppo centralmente. Nel resto della prima frazione di gara non ci sono altre grandi chance da segnalare, ma i rossoneri controllano molto bene il match.

Nei secondi 45 minuti i molossi partono di nuovo in quinta e alla prima vera azione al 55’ vanno in vantaggio: Ciotti cross dalla destra, Carotenuto stoppa e con un gran tiro di collo piede deposita il pallone nell’angolino basso del portiere canarino. Tra il 56’ e il 59’ i rossoneri sfiorano due volte in vantaggio sempre con l’ex Gragnano prima, e con il terzino Fonzino poi. Il tecnico Maiuri a metà ripresa inserisce Majella che rispetto alle altre partite entra con un appiglio diverso e sfiora due volte il gol, più clamorosa la seconda al 75’ dove il bomber napoletano scheggia la traversa con un gran tiro. Dopo due minuti un Aracri scatenato dalla metà a campo fa partire un gran filtrante per Vitolo che calcia a botta sicura ma la palla, anche grazie ad una deviazione della difesa scafatese, sfiora il palo. Nel finale ci prova anche Scibilia che con un gran sinistro impegna Gallo ad una parata pazzesca. Nei quattro minuti di recupero non succede più niente e termina dunque 2-0.