WebRadio by NocerinaLive.it

Adesso si che può incominciare a suonare il famigerato primo campanello d’allarme. La Nocerina nella giornata di ieri ha rimediato il secondo ko del campionato, restando a quota zero punti  con tanto di dimissioni del direttore Peppe Prete.


La “prestazione” offerta dai ragazzi di Maiuri fa preoccupare e non poco i tifosi perché se contro il Madrepietra c’era stata tanta sfortuna con due traverse, il rigore sbagliato e qualche chance importante sprecata (con la difesa che aveva praticamente rovinato una partita) non si può dire la stessa cosa della gara casalinga contro il Trastevere. La Nocerina è apparsa svogliata, rinunciataria e la cosa più preoccupante non ha mostrato minimamente quel bel gioco che la caratterizzava la passata stagione. Naturalmente stiamo parlando sempre di un campionato d’Eccellenza che non ha nulla a che vedere con la Serie D, però la squadra anche dopo il pareggio, grazie ad una  punizione magistrale di Mario Barone (a parte il gol poca roba), non ha mai dimostrato di voler ribaltare la gara, subendo immediatamente le offensive dei romani che sono andati giustamente di nuovo in vantaggio, meritando la vittoria finale.

ROVINATA UNA FESTA: Doveva essere la partita del pronto riscatto e questi tre punti erano decisamente importanti anche perché si giocava in casa e lo si faceva con tutti e tre i settori aperti (curva riaperta finalmente dopo tre anni). L’unica nota positiva, infatti, sono stati gli oltre 2000 tifosi che hanno incitato fino al 90’ la squadra e l’hanno fischiata giustamente solo dopo la fine della partita. La richiesta è stata emblematica: “noi vogliamo gente che lotta”. “vogliamo 11 molossi”. Fortunatamente che i calciatori sono andati sotto tutti e tre i settori per ringraziarli del loro apporto durante la partita.

DIFESA, MADREPIETRA DUE LA VENDETTA: Certo ieri la squadra meritava di perdere a prescindere per quello che ha fatto vedere. Però con un po’ più di attenzione da parte del reparto arretrato si poteva portare almeno un piccolo punticino a casa (che a mio parere visto la prestazione era sempre un campanello d’allarme). Invece no. Difesa ancora una volta da rivedere. Male, anzi malissimo nel secondo gol dove si sono fatti letteralmente prendere per il sedere dall’esterno romano che poi ha permesso a Pace di appoggiare solo la palla in rete.

UNDER CHE DISASTRO: Lo sappiamo tutti, in Serie D gli under non sono importanti, ma fondamentali. Anche ieri quelli scesi in campo meritano l’insufficienza piena. Forse l’unico che si salva è Milani, anche se l’esterno ex San Severo rispetto alla gara di settimana scorsa è calato notevolmente. Per quanto riguarda i terzini Faiello e Vitolo, ancora una volta non pervenuti. Non sono mai stati efficaci in attacco e poco sicuri dietro. Forse per il secondo c’è la scusante che lui nasce come esterno, però nel complesso si sono fatti sopraffare dalle incursioni degli avversari. In porta invece, l’ex Primavera Genoa Sommariva è stato abbastanza attento, anche se forse sul primo gol del Trastevere poteva fare di più.

ATTACCO, COSI’ NON VA: Siclari non può fare reparto da solo. Ieri il bomber ex Taranto quanto meno ci ha provato cercando di far salire la squadra e provando con qualche movimento a tagliare a rendere le cose difficili al Trastevere. Ma da solo non può nulla. Ieri, infatti, altra prestazione opaca di Nohman che sembra sia ancora un calciatore in vacanza. Nel secondo tempo Maiuri ha provato a buttare nella mischia Girardi che non fa niente per ripagarlo, nonostante allo scadere della gara abbia avuto una colossale palla gol a due passi dalla porta, sprecata completamente.

MAIURI FIDUCIA MOMENTANEA: Personalmente penso che va data un’altra possibilità al mister visto quello che ha dato a Nocera la passata stagione, riuscendo a vincere un campionato che sembrava già nelle mani dei costieri. Sicuramente dopo le due gare di coppa nessuno (e forse neanche lui) si aspettava questo inizio. Va detto che il mister ieri è andato un po’ nel pallone e deve inventarsi immediatamente qualcosa per invertire questo trend. E’ vero che siamo solo all’inizio ma è anche vero che non si possono più commettere altri passi falsi. C’è bisogno di cambiare, forse modulo o qualche calciatore, ma bisogna cambiare rotta. Nonostante i molossi siano una matricola, le ambizioni, inutile nascondersi, sono alte.

102 Visite totali, 3 visite odierne

Campionato 2018/2019 - Stagione 2018

Classifica

Pos Squadra G. W L Pti
1 Logo Bari 10 7 0 24
2 Logo Nocerina 10 5 1 19
3 Logo Turris 10 6 2 18
4 Logo Città di Gela 10 5 3 17
5 Logo Marsala 10 4 2 16
6 Logo Palmese 9 3 0 15
7 Logo Locri 9 4 3 14
8 Logo Castrovillari 9 3 1 14
9 Logo Portici 10 3 3 13
10 Logo Roccella 10 3 4 12
11 Logo Sancataldese 10 3 5 11
12 Logo Cittanovese 9 3 4 11
13 Logo Acireale 10 3 5 10
14 Logo Troina 10 2 4 10
15 Logo Città di Messina 10 2 5 9
16 Logo Messina 9 2 5 8
17 Logo Igea Virtus 10 1 6 6
18 Logo Rotonda 9 1 7 4
Seguimi su Twitter
Seguici su Instagram…