post

NOCERINA | Alla scoperta di Antonio Riccio

Il suo ruolo naturale è l’esterno destro ma all’occorrenza può anche fare la punta. Antonio Riccio, uno dei pochi over arrivati fino a questo momento anche se lui è molto giovane essendo del 1997. Scopriamo insieme la carriera di questo promettente calciatore


Ha mosso i suoi primi passi da calciatore all’età di 11 anni nella scuola calcio Castel Di Cisterna di Lorenzo D’Amato. A 13 anni il grande passo: è stato ingaggiato nel settore giovanile del Siena (all’epoca in Serie A) dove fu protagonista nell’annata 2011-12 collezionando 16 gol da seconda punta. Con i felsinei ha disputato i campionati Giovanissimi ed Allievi Nazionali. Ci fu poi il fallimento della società e il rientro nella sua casa: l’Avellino. Qui disputa il campionato Primavera e dopo alcune presenze viene convocato in prima squadra dal tecnico Massimo Rastelli, firmando poi a fine stagione il suo primo contratto da professionista. Dopo una permanenza tra Primavera e prima squadra dove ha partecipato a ben due ritiri e giocato due partite ufficiali in Coppa contro la Casertana e al Partenio contro il Frosinone. Negli scorsi sei mesi, poi, si è allenato con la Casertana senza firmare nessun contratto. In questa stagione ha incominciato il ritiro con la Cavese, prima della chiamata con la Nocerina e conseguente firma del contratto. Sarà il suo primo vero campionato tra i grandi. Benvenuto ed onora la maglia!