WebRadio by NocerinaLive.it

Non si placa la tormenta in casa rossonera, questa volta ad alimentare discrepanze interne ed esterne all’ambiente rossonero ci pensa l’ex calciatore e capitano della Nocerina, Giovanni Cavallaro, il quale in una intervista rilasciata alla nostra redazione, ha chiarito la sua posizione circa le pendenze economiche (relative alla scorsa stagione) che ancora devono essergli riconosciute dopo, a suo dire, mesi e mesi di appelli all’attuale società molossa.
Ma prima di arrivare a ciò bisogna fare un passo indietro, ritornando alla nefasta domenica di campionato persa tra le mura amiche contro il Gela, dove i rossoneri inscenano uno spettacolo pietoso  facendosi sbeffeggiare vergognosamente dai siciliani. Ok direte, una domenica storta può capitare. Certo ma chi poteva lontanamente immaginare che da domenica ad oggi potevano capitare tutte queste vicissitudini calcistiche ed extra?
Dall’immediato post partita con lo sfogo del vice capitano Caso alla risposta secca e decisa del Presidente Maiorino, passando per il manto erboso sempre più deficitario ai lavori di ristrutturazione del San Francesco con annesso trasferimento (sempre più possibile) delle partite in casa della Nocerina, alla pronta risposta dell’amministrazione comunale di Nocera Inferiore e finendo, come anticipato, all’allarmante appello dell’ex Cavallaro con annessa e probabile vertenza.
Magari i toni dovevano essere più pacati da parte di tutti, magari i panni sporchi andavano (e vanno) lavati in casa, magari sedersi ad un tavolo tutte le parti chiamate in causa sarebbe stato opportuno e giusto, ma fino ad oggi sembra che il “dietro le quinte rossonere” sia sotto gli occhi di tutti, ed ognuno può dire la sua schierandosi da una parte o dall’altra.
Giusto esprimere un giudizio, giusto schierarsi a favore di una fazione o dell’altra, ma sembra che anziché andare avanti e ritrovare entusiasmo, si stia facendo di tutto per disperderlo.
Ora è giusto ammettere che se un lavoratore qualunque, dal falegname all’avvocato, dal calciatore al giornalista, se presta un servizio và pagato, se c’è un contratto và rispettato ed onorato, e se venisse a mancare il rapporto di subordinazione lavorativa è tremendamente giusto che una delle due parti si tuteli.
Sacrosanto è il diritto al lavoro, altrettanto sacrosanta è la remunerazione corrisposta, ma la piazza non deve spaccarsi,  anzi quella và salvaguardata dagli stessi soggetti che tramite comunicati o interviste manifestano personali vicissitudini.
Non siamo qui a colpevolizzare nessuno perché se siamo arrivati a questo è perché la precedente società ha fatto più danni della grandine, ed ora che i nodi sono arrivati al pettine si deve quantomeno tentare di risolverli. Alzi la mano chi ha da ridire sull’attuale Presidente, o alzi la mano chi ha da ridire sul giusto diritto dell’ex Cavallaro. Nessuno può farlo, eppure sembra che la serie tv “beautiful nocerina” sia più interessante di ciò che accade in campo.
I casi sono a dir poco spinosi, la Nocerina non può permettersi una vertenza, né tantomeno una penalizzazione, la Nocerina deve salvarsi, deve terminare questo disgraziato anno con la permanenza in D, pertanto le polemiche devono essere messe a tacere, bisogna resettare tutto e ripartire con la determinazione di chi vuole raggiungere i propri obiettivi.
Che sia Maiorino, Caso, Cavallaro o Torquato, tutti devono tacere e fare fronte comune, la piazza, l’ambiente e lo spogliatoio vanno preservati perché ciò che interessa al tifoso non sono le Universiadi , le vertenze o gli sfoghi (opinabili quantomeno i tempi ed i modi) del vice capitano, ma solo ed esclusivamente le sorti del sodalizio molosso, perché la Nocerina è sacra e Voi che avete il privilegio di gestirla (dalla società ai calciatori, ex o attuali) avete il DOVERE di preservarla  prendendovene cura.
Ora c’è l’Igea Virtus, VIETATO MOLLARE!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato 2018/2019 - Stagione 2018

Classifica

Pos Squadra G. W L Pti
1 Logo Bari 24 18 2 58
2 Logo Turris 24 15 5 47
3 Logo Acireale 24 11 7 39
4 Logo Cittanovese 24 11 9 37
5 Logo Marsala 24 9 5 37
6 Logo Portici 24 9 6 36
7 Logo Città di Gela 24 10 8 36
8 Logo Castrovillari 24 8 6 34
9 Logo Nocerina 24 7 6 32
10 Logo Palmese 24 7 6 32
11 Logo Troina 24 7 6 32
12 Logo Città di Messina 24 7 11 27
13 Logo Locri 24 7 12 26
14 Logo Roccella 24 5 9 25
15 Logo Messina 24 6 11 25
16 Logo Sancataldese 24 6 12 24
17 Logo Rotonda 24 4 15 17
18 Logo Igea Virtus 24 3 14 16
Seguimi su Twitter
Seguici su Instagram…