WebRadio by NocerinaLive.it

Il Foggia è una delle nobili decadute di questo campionato di serie D girone H; l’anno scorso la squadra pugliese militava in serie B e per le note vicissitudini societarie estive è dovuta ripartire dalla Lega Nazionale Dilettanti. In estate la dirigenza ha scelto come allenatore Amantino Mancini e come direttore tecnico Ninnì Cordua, il quale aveva vinto l’anno prima nello stesso ruolo dirigenziale,  il campionato di serie D con il Como, battendo tutti i record dei punti conquistati.

Dopo la prima partita di campionato in casa del Fasano, l’allenatore Mancini si è dimesso ed il presidente del Foggia ha scelto di nominare come allenatore Ninnì Corda. Il tecnico sardo, nato a Nuoro il 28/01/1974, ha allenato nella sua carriera il Cagliari Primavera, il Tempio, il Como, l’Alghero, il Tavolara, il Savona e infine  il Barletta.

Nella stagione 2015/2016 è stato squalificato dal tribunale federale per tre anni ed una condanna a 50.000 euro di multa per tentato illecito sportivo.  La stessa squalifica (senza sanzione economica) è stata inflitta a Gianni Mattu, suo secondo quando allenava il Savona, nonché cognato del tecnico.

Corda e Mattu, secondo quando sostenuto dalla procura federale, avrebbero fatto pressioni su alcuni giocatori del Savona prima della partita con la Spal  (del 6 Settembre 2014) ed avrebbero chiesto ai calciatori contattati di perdere quella gara. L’obiettivo di Corda, sempre secondo la procura, era quello di mettere in cattiva luce Arturo Di Napoli, all’epoca tecnico del Savona, in modo che venisse esonerato per poi prendere il suo posto.  Dalla ricostruzione fatta, Ninni Corda e Gianni Mattu incontrarono i giocatori Carta, Marconi, Cabeccia e Demartis, calciatori che il mister nuorese conosce molto bene per averli avuti più volte alle sue dipendenze. Il faccia a faccia si tenne in un locale della zona e in quella occasione ci sarebbe stato l’invito a non impegnarsi nella sfida contro la formazione di Ferrara. Pressioni che evidentemente non sono andate a buon fine, tenuto conto che quella partita si è conclusa con la vittoria del Savona per 3-1. Le cronache del giorno parlarono di una bella prestazione della squadra biancoblù e di vittoria meritata. Le indagini, però, hanno fatto emergere il tentativo di “combine”. Eppure, proprio a Savona il mister aveva lavorato benissimo, ottenendo il primo anno la salvezza e quello successivo la partecipazione ai playoff. Risultati che hanno messo in luce sia Corda che Mattu (suo fedelissimo collaboratore), coppia di tecnici sardi molto affiatata e preparata.

Dopo la condanna Corda intraprende la carriera di direttore tecnico nel Como e anche in questo periodo viene condannato dalla Commissione Federale in quanto il tecnico sardo era accusato di svolgere in realtà “attività dirigenziali con ampi poteri di gestione sportiva ed amministrativa, aggirando in questo modo la normativa”, considerato che sarebbero mansioni a lui vietate in quanto già squalificato per 3 anni e 6 mesi a seguito di un provvedimento in scadenza nel maggio 2018 (l’illecito Savona – Spal); ma la Corte federale d’appello della FIGC ha accolto il ricorso di Ninnì Corda contro la squalifica che era stata inflitta dalla Commissione Disciplinare.

In effetti, Corda ha pagato i propri sbagli (se commessi, in quanto come ho scritto il Savona ha vinto la partita incriminata e quindi dubito che vi sia stata una combine) alla giustizia sportiva ed ora, dopo aver scontato la propria squalifica, comincia una nuova carriera da allenatore con il Foggia.

Auguro a Corda di dimenticare subito queste disavventure e di ritornare a svolgere serenamente la propria carriera di allenatore come ampiamente merita.

577560cookie-checkEcco il mister : Conosciamo Ninnì Corda mister del Foggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campionato 2019/2020 - Stagione 2019

Classifica

Pos Squadra G. W L Pti
1 Logo Fasano 3 3 0 9
2 Logo Gelbison 3 2 0 7
3 Logo Audace Cerignola 2 2 0 6
4 Logo Brindisi 3 2 1 6
5 Logo Taranto 3 2 1 6
6 Logo Bitonto 3 2 1 6
7 Logo Gravina 3 2 1 6
8 Logo Foggia 3 2 1 6
9 Logo Gladiator 3 1 1 4
10 Logo Team Altamura 3 1 1 4
11 Logo Nocerina 3 1 2 3
12 Logo Agropoli 3 1 2 3
13 Logo Grumentum 3 1 2 3
14 Logo Casarano 3 1 2 3
15 Logo Francavilla 3 0 2 1
16 Logo Sorrento 3 0 2 1
17 Logo Fidelis Andria 2 0 1 1
18 Logo Nardò 3 0 3 0
Seguimi su Twitter
Seguici su Instagram…