post

Conosciamo meglio il prossimo avversario: Ebolitana 1925

Spread the love

La Società Sportiva Ebolitana 1925, connotata dai colori sociali bianco azzurri, disputa le gare casalinghe allo Stadio José Guimarães Dirceu (calciatore dell’Ebolitana dal 1989 al 1991, venuto a mancare nel 1995) di Eboli, che ha una capienza di 15.000 posti.
Negli ultimi anni l’Ebolitana ha vissuto alti e bassi: nel 2004 il capo ultrà della curva bianco azzurra, insieme ad alcuni amici riesce ad iscrivere al campionato di eccellenza la squadra ottenendo la promozione in serie D; dopo due anni in serie D, nel 2007, l’Ebolitana retrocede perdendo lo spareggio play out con il Lavello; dopo alcuni anni in eccellenza, nel 2010, riapproda tra i dilettanti vincendo i play off e la coppa Italia Regionale, battendo l’Arzanese in finale dopo i calci di rigore. Il 2011 segna un momento storico per la squadra di Eboli che vince il campionato di serie D approdando per la prima volta tra i professionisti dove, però, resta solo per un anno retrocedendo.L’anno seguente non presentando ricorso alla bocciatura della L.N.D. viene esclusa dai dilettanti e riparte dalla prima categoria campana con la denominazione SS Ebolitana 1925, venendo ripescata in promozione nel 2013 e vincendo il campionato nel 2014.
Attualmente i bianco azzurri si trovano nel girone B di eccellenza al quinto posto con 21 punti, frutto di sei vittorie, tre pari e due sconfitte maturate contro FC Sorrento e San Vito Positano; il bomber della squadra, con tre reti è Salese, seguito da Saani e Compierchio a quota due. In undici partite giocate la retroguardia ebolitana ha incassato 9 reti mentre gli attaccanti bianco azzurri hanno messo a segno dodici reti.
Domenica arriva il Città di Nocera e la società ha invitato i tifosi a partecipare in massa allo stadio; i supporters hanno risposto presente, infatti stanno allestendo una coreografia particolare. L’unico nota stonata della gara di domenica sarà l’assenza dei tifosi molossi, ai quali, ancora una volta, è stata vietata la trasferta.


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *