post

LIMATOLA: “Andremo a Nocera per giocarcela. Che emozione ritornare al San Francesco”

In vista della gara in programma domenica al San Francesco di Nocera Inferiore tra Città Di Nocera e Palmese abbiamo intervistato in esclusiva l’ex esterno d’attacco della Nocerina Gianmarco Limatola, ora in forza proprio alla squadra di Palma Campania. Queste le sue parole

foto di Carmine Galano


Siamo oramai quasi alla vigilia della gara contro il Città Di Nocera. Venite da un periodo di forma importante dove avete conquistato nelle ultime due gare 6 punti contro Montesarchio e San Vito Positano ritrovandovi a lottare per i playoff.
“Verremo a  Nocera con una continuità di risultati. Sappiamo che sarà difficile ma queste sono le partite più belle che si preparano da sole. Molti pagherebbero per giocarla visto che si va ad affrontare una squadra che ha un pubblico importante. Noi già alla andata facemmo una gran partita rimontando di 2 gol anche se adesso la Nocerina ha cambiato mister e sono arrivati altri calciatori. Noi giocheremo come nostro solito e non andremo a Nocera per difenderci ma a giocar a viso aperto con massimo rispetto di chi affrontiamo”.

Per te così come per alcuni tuoi compagni di squadra sarà un ritorno al San Francesco. Che esperienza è stata anche se ci sono stati tanti problemi?
“Si io insieme a qualcun altro compagno ritorniamo da avversari e sarà bellissimo. Lo stadio San Francesco e la piazza di Nocera sono d’altre categorie. L’anno scorso ci sono stati diversi problemi ma nello stesso tempo penso di aver fatto bene insieme agli altri compagni di squadra”.

Eravate partiti per una salvezza tranquilla. Adesso, invece?
“Io sono venuto a Palma con l’obbiettivo della salvezza ma nello stesso momento sapevo le grandi qualità sia tecniche che morali dell’intera squadra, compreso il mister. Stiamo disputando un ottimo campionato, abbiamo fermato tutte le squadre al di sopra di noi tranne l’Ebolitana. Abbiamo perso qualche punto per strada contro quelle  che si trovano sotto in classifica rispetto a noi. Ora siamo lì e giustamente è normale che vogliamo confermare tutto quello di buono che abbiamo fatto fino adesso, ragionando partita dopo partita”.

Una squadra che ha preso le sembianze di mister Soviero. Corsa, grinta e sacrifico fino al 90′.
“Si il mister lo conosciamo tutti. E’ uno che non molla mai e ci ha trasmesso una mentalità come la sua. Oltre alla grinta corsa e sacrificio,però, noi siamo una squadra che gioca a calcio con giocatori di grandi qualità, ma la cosa più importante è che siamo un gran gruppo ed è per questo che stiamo facendo bene. Palma  è una piazza importante e poi qui ho trovato una società molto seria”.

Personalmente invece sei soddisfatto della tua prima parte di stagione?
“Si molto soddisfatto, anche se sono uno che vuole sempre migliorare. Ho realizzato 5 gol tra campionato e coppa e anche se non sono un bomber giocando sulla fascia se faccio qualche gol in più meglio ancora, però per me viene prima la prestazione e poi tutto il resto. Se sto facendo bene il merito va soprattutto al mister e alla squadra”.

Chi è secondo te il calciatore più pericoloso del Città di Nocera e perché?
“Della Nocerina non devi star attento solo ad un calciatore ma a tutta la squadra perché ha tutti ottimi calciatori partendo dalla difesa fino all’attacco. Dobbiamo avere massima attenzione e massimo rispetto per tutti. Però ripeto verremo a Nocera a giocarci la partita”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *