post

L’EDITORIALE: Chi se lo sarebbe aspettato? Il S. Agnello fermato in casa dal Massa L. e raggiunto dai molossi

Il Città di Nocera ha raggiunto il Sant’Agnello, la rivale di “eccellenza” di questo campionato. I costieri sembravano di un altro pianeta, impossibili da raggiungere, ma adesso  condividono  il primo posto a 52 punti con i molossi. Strana combinazione: quando meno te lo aspetti , la prima viene fermata in casa dalla penultima con grande gioia degli inseguitori. Succede anche nelle serie maggiori. Partite sulla carta facili che, poi, si dimostrano ostiche, e ci si deve accontentare di un solo punto.Da qui fino alla fine del campionato ci saranno tutte finali al cardiopalma. La prima di queste sarà contro la Scafatese 1922 , che, probabilmente, i molossi giocheranno di sabato per via della gara di Coppa contro il Vultur Rionero. La partita, infatti, si giocherà il 17 febbraio, di mercoledì. Il Sant’Agnello, a sua volta, affronterà in trasferta l’Ebolitana (terza in classifica) al “Dirceu” di Eboli. Sarà il big match della prossima giornata. Essendo la squadra bianco azzurra già staccata di undici punti dalle battistrada, in caso di sconfitta, si allontanerà ancora di più dalle due capolista ed i play off previsti per questo  girone non si terranno. La seconda, così, affronterà direttamente la vincitrice dei playoff del girone A dell’Eccellenza Campania. Encomiabile mister Maiuri che raggiunge l’ottava vittoria consecutiva in campionato. Con la sua umiltà e la sua grinta da molosso puro non si esalta mai anche se si vince sempre. Novità in campo rispetto all’undici del “Partenio” : In porta il portiere Napoli, in difesa, al posto dello squalificato Cacace, c’è Criscuolo. A centrocampo Ruscio prende il posto di Di Pietro. In attacco tornano Scibilia e Majella. Questi ultimi, insieme a Marcucci, sono i bomber di giornata. Dopo un inizio di studio, i rossoneri ci provano più volte e il gol arriva nei minuti di recupero. L’autore del gol è Scibilia che con un gran destro tira a volo da fuori area e trafigge il portiere avversario. Nella seconda frazione, i molossi prendono in mano le redini del gioco. Infatti arriva prima il 2 a 0 del ritrovato Majella che si sblocca con un gran gesto tecnico segnando di tacco dopo un preciso cross rasoterra di Gallo. L’azione del 3 a 0 inizia sempre dai piedi di Gallo che crossa per Marcucci che mette in rete facilmente di piatto. Un grande plauso ai circa 200 tifosi molossi accorsi allo stadio anche in un orario diverso dal solito, (la gara è iniziata alle 10:30), e alla tifoseria avellinese che non ha sfigurato nel confronto col tifo molosso. Un plauso ad entrambe le tifoserie perchè non sono successi fatti incresciosi nonostante che stessero gomito a gomito nello stesso settore. Ciò è un fatto sicuramente da elogiare ma anche da evitare in partite più “calde”. Con questo concludo dicendo che se si sblocca Majella non ci sarà  Mai Jella. Avanti tutta molossi! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *