post

MARCUCCI: “Con il Massa Lubrense match duro. Porte chiuse? Il tifo è la parte più bella del calcio”.

Siamo alla vigilia del match del girone B del campionato d’Eccellenza tra Massa Lubrense e Città Di Nocera. Riportiamo l’intervista fatta ad Errico Marcucci e gentilmente concessoci da sportinpenisola.com

Impressionante il cammino del Città di Nocera. Dopo la sconfitta ad Eboli ed il conseguente insediamento in panchina di Maiuri, la vostra squadra ha cambiato radicalmente marcia. 12 vittorie ed 1 pari nelle ultime 13 gare e ben 7 punti rimontati al Fc Sorrento. Cos’è improvvisamente cambiato?
 “È stata una questione soprattutto mentale, e credo che alla fine sia venuta fuori la vera forza della nostra squadra. Dopo Eboli ci siamo guardati in faccia, e tutti uniti siamo andati avanti, aiutati anche dalla mentalità vincente e da un forte spirito di gruppo portato dal nuovo allenatore. Non è un caso che i risultati ci abbiano poi dato ragione”.

La settimana scorsa, pari nel big match contro il Fc Sorrento in una cornice di pubblico straordinaria. Un pari che rafforza a tuo parere la leadership del Città di Nocera che avrà il vantaggio di dipendere solo da sé stessa?
“Il nostro obiettivo era quello di conquistare i 3 punti. Abbiamo però affrontato una grande squadra e non siamo riusciti ad andare oltre il pari. Per noi è fondamentale continuare lungo questa scia positiva, affrontando le ultime 5 finali con il giusto piglio. Poi sarà il campo, tra poco meno di un mese, ad emettere il verdetto finale”.

A Massa Lubrense sfida ad una squadra che viaggia a ritmo sostenuto. 15 punti nel girone di ritorno, con una serie positiva aperta di 7 risultati utili. La squadra di Giulio Russo avrà bisogno di punti per puntare alla salvezza diretta, per cui che tipo di partita di aspetti?
“Sicuramente un match molto duro e intenso soprattutto dal punto di vista mentale. Dobbiamo farci trovare pronti, perché sappiamo di affrontare una squadra in salute che nelle ultime 7 gare ha incassato soltanto 3 reti. La chiave sarà essere concentrati fin dal primo minuto e scendere in campo con la giusta cattiveria perché per noi è importantissimo conquistare l’intera posta in palio”.

Il miglior attacco del campionato contro la seconda miglior difesa del girone di ritorno con sole 6 reti subite in 9 gare. Un test importante che promette duelli emozionanti.
“A prescindere dai numeri abbiamo grande rispetto del Massa Lubrense, che attraverso il lavoro del mister Russo sta facendo un ottimo girone di ritorno. Affronteremo la gara con la stessa mentalità che ci ha contraddistinto nelle ultime 13 gare, sperando che a fine gara il risultato possa sorridere alla nostra squadra”.

20 dei 27 gol realizzati dal Città di Nocera in trasferta sono giunti nei secondi 45 minuti di gara, segno di una squadra che sa soffrire e colpire al momento opportuno. Sei d’accordo?
“Analisi giusta. Nell’arco dei 90 minuti ci sono momenti in cui soffriamo e corriamo tutti insieme. Saper soffrire e non abbattersi mai alle prime difficoltà è un grande pregio che conferma la solidità del nostro gruppo”.

 Il prefetto ha quest’oggi imposto di giocare a porte chiuse: una partita senza tifosi è a prescindere una sconfitta dello sport.
“Il tifo è la parte più bella del calcio. Domenica scorsa abbiamo giocato davanti a 5.000 spettatori, in un’atmosfera che poche volte abbiamo vissuto nella nostra carriera. Sarebbe stato bello se i nostri tifosi avessero potuto gremire le tribune dello stadio di Massa Lubrense per regalarci ulteriori emozioni. Purtroppo non è stato possibile e ci dispiace molto, perché giocare a porte chiuse è molto triste ed è un fallimento per questo sport meraviglioso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *