post

INTERVISTA | Prete:”Non si può giudicare la difficoltà di un girone prima di giocarlo; cercheremo di completare la rosa rispettando questa ossatura”

Dopo il sorteggio dei gironi del campionato di serie D abbiamo intervistato il direttore dell’area tecnica della Nocerina Peppe Prete.

Stamattina sono stati definiti i gironi. Forse quello H, dove è capitata la Nocerina, è un po’ più semplice?
I gironi in partenza non si possono mai definire, si può avere un’idea solo leggendo su carta determinate rose ma questo non dà certezza di nessun conto; non si può giudicare prima qual è un girone più facile o meno facile. Il calcio per fortuna è quello giocato e non quello immaginato.

Ci sono ben sette squadre pugliesi. Non sarà facile affrontarle.
La Puglia per tradizione è molto calda; in qualsiasi campo che si va c’è passione e tifo indipendentemente dal valore della squadra; questo è già un’indice, ma non è quello che determina se uno è più forte o meno forte del girone. I gironi si possono prevedere ma non si può avere la certezza che si ottiene solo quando si scende in campo.

Le quattro laziali sono un’incognita e possono rappresentare un’insidia.
Era una cosa imprevedibile, quindi ci adopereremo per conoscere  queste squadre nella composizione dell’organico.

E’soddisfatto del ritiro?
Soddisfattissimo perchè ho riscontrato già da adesso un gruppo eccezionale fatto di grande professionalità e di  grande applicazione, riconoscimento che gli ho fatto di persona; ho avuto delle risposte eccezionali: i ragazzi sono sempre applicati sull’argomento, concentrazione massima e rispetto delle regole; sinceramente se questo è un inizio io dico che abbiamo iniziato benissimo sotto questo aspetto.

Sul fronte acquisti ci sarà qualche ciliegina sulla torta?
Non chiamiamola ciliegina perchè la restante parte della torta potrebbe offendersi;cercheremo di completare l’organico rispettando l’intelaiatura e i valori che già lo compongono per quanto riguarda il discorso degli over; per gli under confermo ancora che la porta è aperta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *