post

Nocerina, regolata anche la pratica Anzio. La vetta si avvicina

La cura “Simonelli funziona ancora per la Nocerina, che tra le mura amiche del San Francesco batte 2-0 i laziali dell’Anzio, guidati dall’ “arciere spagnolo“, l’ex Udinese e Siena Gaetano D’Agostino.

Lo stesso D’Agostino, costretto dagli infortuni, ne porta solo 18 a Nocera, con una panchina zeppa di Under.

Ritorno importante per la Nocerina, che ritrova Amato tra i pali.ì, mentre ancora indisponibile Girardi per infortunio.

Come da copione in questa stagione, i molossi partono a razzo ed al settimo minuto già sono sull’1-0: azione magistrale dei molossi, che di prima arrivano in area, pallone che arriva sulla destra, dove Nohman lo recupera in rovesciata e lo mette al centro per Milani il quale lo insacca a porta praticamente vuota.

La risposta degli ospiti arriva al 17′ con De Vivo, che dalla distanza prende l’esterno della rete.

Due minuti dopo è di nuovo la squadra rossonera a presentarsi dalle parti di Rizzaro: uno-due tra Nohman e Siclari, il siciliano la stoppa egregiamente e ci prova di collo, palla che termina però a lato.

Al 28′ è ancora Siclari a provarci di testa su cross di Santamaria, palla che però si stampa sul palo.

Sul finire di primo tempo è l’Anzio a rendersi pericoloso, prima con Giampaolo, il quale innescato da De Vivo (su azione di contropiede) prende una clamorosa traversa, poi con Santarelli che però la calcia fuori.

Nel secondo tempo la gara cala d’intensità, ma sono sempre i molossi a tenere il pallino del gioco.

Al 52′ Siclari ci prova in  rovesciata, ma viene murato dalla difesa laziale, due minuti più tardi ci prova Nohman di testa ma la palla termina alta.

Al 56′ è l’occasione d’oro per i molossi, Simone Milani si invola in area, ma arrivato a tu per tu con Rizzaro gliela spara addosso e spreca l’occasione per la doppietta personale.

Tra il 60′ ed il 65′ è l’Anzio a rendersi pericoloso prima con Ferrari che la calcia dopo un disimpegno sbagliato dei molossi, tiro parato da Amato e poi con Giampaolo che ci prova di testa, ma sbaglia completamente la mira.

Al minuto 70 è l’apoteosi molossa: azione fotocopia di quella del 56′ questa volta però a provarci è Siclari, il quale arrivato in area trafigge Rizzaro e va a prendersi gli applausi della curva, 2-0 e partita quasi in cassaforte.

Sterile la reazione dell’Anzio, che al 73′ ci prova con Ferrari, che pero la spreca malamente.

Il finale è praticamente di marca molossa, al minuto 84, Papini fa tutto da solo, entra in area e, dopo aver vinto una serie di rimpalli, ci prova acrobaticamente senza fortuna, all’ottantanovesimo Petrini prova a riaprire la gara per l’Anzio ma senza fortuna.

Nei cinque minuti di recupero è la Nocerina a chiudere in attacco, prima con Papini e poi con Barone, entrambi le occasioni senza fortuna, dopo di che il signor Mezzalira di Varese fischia la fine della gara.

Vittoria importante per la Nocerina, la quale interrompe la striscia positiva dell’Anzio (6 gare imbattuta) ed aggancia Bisceglie e Gelbison al terzo posto in classifica rosicchiando altri punti al Trastevere capolista, ora il gap è di -3 punti.

 

Tabellino:

 

NOCERINA: Amato; Vitolo, Pomante, Cacace, Santamaria; Alvino (36’st Barone), Di Pietro, Coppola, Milani (22’st Papini); Nohman, Siclari (28’st Fella). A disp. Sommariva, Cuomo, Petruccio, Ramcheski, Ciotti, Santeramo. All. Gianni Simonelli.

ANZIO: Rizzaro; Ivone, Mazzei, Pucino, D’Amato; De Vivo, Santarelli (22’st Lauri), Ferrari, Ceccarelli (29’st Delvecchio), Giampaolo; Bernardotto (36’st Petrini). A disp. Benedetti, Di Magno, Ossoubita, Di Pietro. All. Gaetano D’Agostino

Reti: 6’pt Milani, 25’st Siclari (N)

Arbitro: Federico Mezzalira di Varese. Assistenti: Andrea Marrollo edAlberto Colonna di Vasto.

Ammoniti: Fella (N), Mazzei (A)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *