post

IN CURVA | I molossi non mollano un centimetro: Picerno ko nonostante l’inferiorità numerica

Dimenticare Trastevere, questo chiedeva la tifoseria molossa. Archiviata la sconfitta di Roma, al San Francesco arriva il Picerno di mister Arleo; un solo obbiettivo per la Nocerina: la vittoria per continuare a credere nella promozione diretta.
Col passar dei minuti le gradinate si colorano di rossonero, quel bicolore che fa palpitare il cuore ad ogni nocerino mentre le bandiere e gli stendardi sventolano alti nel cielo.
Le squadre fanno il loro ingresso sul terreno di gioco e la curva mette subito in chiaro le cose con il coro  “Noi vogliamo questa vittoria……”; tutto è pronto, l’arbitro fischia, si parte!
In campo la Nocerina cerca di imporre immediatamente la propria superiorità tecnica con il suo gioco ai danni di un Picerno che pensa solamente a difendersi a spada tratta.
I molossi stazionano prevalentemente nella tre quarti di campo del Picerno, ci provano prima con un tiro da fuori area e dopo, grazie ad una bella azione, Siclari ci prova ma, ancora una volta, il pallone va fuori di poco.
Il pubblico ci crede, sa che la vittoria è fondamentale ed incita i propri giocatori “Venite insieme a noi a caricar……..”; la Nocerina  tenta di rendersi pericolosa, ma, la retroguardia del Picerno ha la meglio.
La Curva Sud non molla, è l’arma in più dei molossi “Ci facciamo i chilometri……….”.
Il tempo scorre inesorabile e la Nocerina cerca, di rendersi pericolosa e ci prova con due colpi di testa, ma la palla finisce fuori.
I tifosi molossi cercano di spronare i propri beniamini “Rossonero è il cuore che………”, ma, in campo risultano inutili i tentativi dei molossi di portarsi in vantaggio: è sempre la difesa ospite ad avere la meglio.
Finisce il primo tempo, e  si sente qualche singola voce spronare i giocatori molossi.

Secondo tempo “Non mollare mai….”, “Venite insieme a noi a caricar…….”, gli ultras ripartono, sanno che solo il loro calore, il loro incitamento può spingere la Nocerina alla vittoria.
Nel secondo tempo è sempre la Nocerina a fare la partita, il Picerno si limita alla difesa, nonostante l’incessante tifo della curva sud “Non mollare mai……….”, i molossi non riescono a trovare il guizzo vincente; nell’unica occasione in cui il Picerno si fa vedere in avanti il difensore molosso Cuomo è costretto al fallo, doppia ammonizione e al conseguente cartellino rosso, Nocerina in dieci uomini.
La Curva Sud sa di dover incalzare l’incitamento “La Nocerina portaci via da ……., la vittoria è importante, il Trastevere continua a vincere e urge la vittoria per restare in scia.
I molossi provano a rendersi pericolosi: lancio lungo per Siclari, grandissimo stop dell’attaccante molosso che supera il portiere ospite e mette la palla in Gooooooooooooooooooooollllllllllllllllllllll !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.
Esplode il San Francesco tutti corrono ad abbracciare il numero undici molosso, sugli spalti è festa grande i fumogeni colorano la curva molossa, le bandiere sventolano alte, il tifo è alle stelle. Si soffre, la vittoria è lì ad un passo, la curva lo sa, la Nocerina lo sa “E la mia vita è……..” si sente dalla curva.
Pochi minuti alla fine, l’attesa è snervante, ma la Sud non molla, incita i propri giocatori, l’arbitro fischia la fine e finalmente tutti a gioire sotto la curva tra le bandiere e gli stendardi “In campo abbiamo undici leoni che lottano nel nome degli ultrà”.La Nocerina è viva, vince e continua la sua cavalcata verso la lega pro scortata dal suo magnifico e caloroso pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *