post

IN CURVA| La Nocerina delude con il Nardò ed esce tra una pioggia di fischi al San Francesco

I molossi contro il Nardò sono chiamati al riscatto dopo il passo falso di Potenza: la compagine rossonera sa che il proprio pubblico vuole la vittoria per continuare a sperare ancora nel primo posto, ma vuole soprattutto una prova di orgoglio da parte dei propri beniamini.

Già durante il pre-partita sugli spalti il clima è acceso, grazie anche ad una buona presenza di tifosi ospiti; si innalzano primi  sfottò tra le due tifoserie : “Corallino pezzo di…….” da parte dei neretini, risponde la curva sud : “Mio fratello è corallino” .

Le squadre entrano in campo e, dopo il minuto di silenzio osservato per ricordare Guido Belsito, grande tifoso molosso e Peppino Gambardella, ex dirigente molosso degli anni ’80, finalmente si parte.

La Nocerina cerca di imporsi, ma il Nardò si difende ordinatamente, la curva sud cerca subito di caricare la squadra rossonera : “Alé alé Nocera, la squadra del mio cuore….” In campo la Nocerina non brilla, ma  la curva sud non molla, la voglia di rivalsa dopo la batosta di Potenza da parte dei sostenitori molossi è tanta, si è stanchi di questa categoria.

Si innalza il canto della sud molossa : “ Che bello è stare insieme a te…..”, “ Non mollare mai…..”, i vessilli rossoneri sventolano alti, e sulle note della sud la Nocerina spinge sulla fascia sinistra del suo attacco, cross in area di Gargiulo e Girardi si avventa sul pallone e GOOOOOOOOLLLLLL, il San Francesco esulta.
La Sud si fa sentire con il coro: “Conquista la vittoria, conquistala per noi”; finisce il primo tempo e tutti negli spogliatoi; va bene così grida qualche tifoso dagli spalti, nonostante la squadra non brilli nel gioco.

Inizia il secondo tempo e sui gradoni gira voce che il Trastevere perde ad Agropoli, “Che bello è stare insieme a te……….” intona la curva sud.

La sud vuole i tre punti, ma la Nocerina, come spesso capita nella ripresa, commette la solita ingenuità difensiva e su corner il Nardò pareggia con Rosato lasciato libero di colpire a porta sguarnita. La sud non molla, incita la propria squadra “Rossonero è il cuore che ………..”.

La Nocerina sembra riprendersi, attacca a testa bassa anche in modo non ordinato e sugli spalti la tensione è alta;  nel frattempo il Trastevere pareggia.

La sud cerca di spingere i molossi alla conquista dei tre punti: “Conquista la vittoria…….”;  la Nocerina ci prova cross al centro area di Aliperta e colpo di testa di Girardi, respinge Petrachi, ma in seconda battuta si avventa di testa Albanese che fa esplodere il San Francesco e zittisce i neretini GOOOOOOLLLLLL  tutti sotto la curva a festeggiare.

Il San Francesco impazzisce alto è il coro della sud : “La Nocerina portaci via……” , ma anche questa volta la gioia dura poco: Gargiulo perde palla sulla destra dell’area rossonera e sul traversone in mezzo Patierno, sfuggito alle marcature infila Sommariva; il Nardò pareggia e nei restanti minuti di gioco la Nocerina non riesce a trovare il terzo gol.

Al triplice fischio piovono fischi sui giocatori molossi che, ancora una volta, sprecano un’occasione per accorciare le distanze dal Trastevere. La Curva Sud vince ancora una volta, mentre i calciatori escono col capo chino sapendo di aver gettato alle ortiche una buona chance per rilanciare le proprie ambizioni di agganciare i capitolini in vetta alla classifica. Prossima tappa sarà Francavilla in Sinni, dove si prevedono poco più di cento biglietti per i tifosi molossi. Sui gradoni i tifosi molossi ci saranno, sperando di poter tornare ad esultare per la conquista dei tre punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *