post

Piedi raffinati e cattiveria. La Nocerina si coccola Mario Coppola

Non se ne parla spesso, anzi quasi mai, perché rispetto agli altri centrocampisti non ha il vizietto del gol, però è una pedina fondamentale nello scacchiere iniziale della Nocerina.

Stiamo parlando di Mario Coppola, centrocampista classe ’90. L’ex Pro Patria e Sorrento, da un bel po’ di gare a questa parte, è in un super momento di forma. Il suo inizio a Nocera, un po’ come tutta la squadra, non è stato positivo (espulsione alla prima giornata di campionato) ma poi pian piano è cresciuto fino a diventare praticamente intoccabile. Si può giocare col centrocampo a quattro o tre, si può inserire la casella under in difesa o a centrocampo, ma lui da li non si muove. Mario Coppola è quel classico giocatore che se lo vedi la prima volta non gli dai un centesimo, ma basta poi vederlo in azione per cambiare completamente opinione su di lui. Nonostante il fisico non imponente riesce quasi sempre a vincere tutti i contrasti. Nell’ultima gara contro il Cynthia si contano appena due palle perse in 90 minuti. Un centrocampista completo che non fa solo della cattiveria la sua arma migliore. E’ uno dei pochi, che una volta ricevuto palla, cerca immediatamente la verticalizzazione o  il lato opposto del campo. Tutto questo sempre di prima. Una costante che aiuta la Nocerina a velocizzare il gioco e andare più facilmente in porta. Coppola sta dimostrando ampiamente di essere un fuoriclasse in questo campionato e la società dovrà cercare a tutti i costi di riconfermarlo, qualsiasi sarà la categoria della prossima stagione.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *