post

L’EDITORIALE | Nocerina ancora straripante, ma quanti rimpianti

Una Nocerina che ci ha preso gusto con le goleade, col tennistico 6-0 di ieri (tre gol per tempo) ai danni dell’Agropoli, la Nocerina ha messo a segno 13 gol in due giornate, incremento utile per la sola differenza reti, che vede quindi la Nocerina in vantaggio sulle due inseguite, vantaggio alquanto irrilevante, vista comunque la distanza tra le due squadre, che porterebbe i molossi all’aver perso il titolo per uno o due punti.

Riguardo la gara, la Nocerina è stata brava nel primo tempo ad approfittarne degli errori commessi dall’Agropoli, che ha retto no al 32′, quando Siclari brucia sul tempo Ferrara e raccoglie il pallone rinviato da Cotticelli, superando quest’ultimo ed insaccando, dal gol poi la gara è praticamente in discesa, dopo dieci minuti è ancora Siclari a raddoppiare e sul “gong” di fine primo tempo, insacca (fortuitamente) anche Andrea De Julis. Nella ripresa c’è tempo per Davide Cacace di segnare la 5 rete stagionale (seconda su rigore), seguita poi dalla doppietta di De Julis, prima dell’ingresso in campo ed il ritorno al gol di Simone Milani, che può forse buttarsi alle spalle il periodo di “esilio” in tribuna.

In tribuna ancora Girardi che, dopo la pace fatta col mister, potrebbe tornare in panchina già dalla prossima sfida, nella delicatissima gara con la neo-capolista Bisceglie, che fa aumentare ancora di più i rimpianti, pensando che con qualche punto buttato in meno, sarebbe stata una sfida promozione. I pugliesi, dal canto loro,no una promozione che, sul campo, sarebbe matematicamente avvenuta.

La Nocerina è quindi chiamata ad onorare fino in fondo questo campionato, provando a fermare il Bisceglie, magari battendolo, nella speranza che non abbia esaurito tutti i gol nelle utime due giornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *