post

Gli ex Fella e Valente vincono il ricorso. La Nocerina dovrà pagarli per non rischiare penalizzazioni

Come un fulmine al ciel sereno arrivano i risultati dei ricorsi degli ex calciatori rossoneri Giuseppe Fella e Giulio Valente. La Commissione Accordi Economici ha dato ragione ai due ex tesserati che dovranno essere risarciti dalla Nocerina entro 30 giorni, in caso contrario c’è il rischio penalizzazione. Di seguito il comunicato ufficiale


GIUSEPPE FELLA
“La Commissione Accordi Economici della Lnd presso la Lega Nazionale Dilettanti condanna l’ASD Nocerina 1910 al pagamento in favore del sig.Giuseppe Fella della somma di € 4.486,67. Dispone la restituzione della tassa reclamo versata, subordinata alla comunicazione dell’IBAN bancario (obbligatoriamente del calciatore) tramite mail all’indirizzo: lnd.amministrazione@figc.it. Si fa obbligo alla società di comunicare al Dipartimento Interregionale i termini dell’avvenuto pagamento inviando copia della liberatoria e del documento d’identità del calciatore regolarmente datati e firmati dallo stesso entro e non oltre 30 giorni (trenta) dalla data della presente comunicazione giusto quanto previsto dall’art.94 ter comma 11 delle N.O.I.F”.

GIULIO VALENTE 
“La Commissione Accordi Economici della Lnd presso la Lega Nazionale Dilettanti condanna l’ASD Nocerina 1910 al pagamento in favore del sig.Giulio Valente della somma di € 5.535. Dispone la restituzione della tassa reclamo versata, subordinata alla comunicazione dell’IBAN bancario (obbligatoriamente del calciatore) tramite mail all’indirizzo: lnd.amministrazione@figc.it. Si fa obbligo alla società di comunicare al Dipartimento Interregionale i termini dell’avvenuto pagamento inviando copia della liberatoria e del documento d’identità del calciatore regolarmente datati e firmati dallo stesso entro e non oltre 30 giorni (trenta) dalla data della presente comunicazione giusto quanto previsto dall’art.94 ter comma 11 delle N.O.I.F”.

299270cookie-checkGli ex Fella e Valente vincono il ricorso. La Nocerina dovrà pagarli per non rischiare penalizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *