post

NOCERINA | Iovino:”Ad ora nessun interlocutore, aperto a tutti, chi vuole fare con serietà è il benvenuto”

Una sintesi delle parole di Bruno Iovino in conferenza stampa in attesa del video:

“E’ da una ventina di giorni che lavoriamo su questa situazione su più fronti, perché c’era un gruppo che faceva a capo a Padovano, ovvero il primo gruppo dirigenti, poi ci sono stati i nuovi Napolitano e Del Giudice. Quando si entra in situazioni particolari bisogna dialogare ed approfondire per bene le cose. C’era poi un terzo gruppo imprenditoriale che era interessato a rivelare la Nocerina che si era rivolto a me per capire la gestione più che altro amministrativa della società. Certamente la Nocerina ha delle perdite di bilancio, ma la situazione però non è proprio catastrofica come si dice in giro. C’è una situazione debitoria con il fisco che va rateizzata, ma non è arrivata ancora la notifica dell’Agenzia delle Entrate: il gruppo del dottor  Padovano ci aveva avvisato preventivamente di questa posizione debitoria a cui può essere fatto un ricorso oppure in ogni caso può essere rateizzata in 10 anni. I debiti ammontano a circa 200-210 mila euro. Lo stesso gruppo  già sta risolvendo alcune pendenze come le ultime vertenze arrivate perché sono stati pagate si da Del Giudice e Napoletano, ma dal conto societario: loro due hanno trovato un po’ degli ostacoli, lo stesso problema che ho avuto io nel contattare alcuni imprenditori che dovevano interfacciarsi con loro. Questo ha portato, dopo alcune discussioni, a trovare un accordo tra le due gestioni: nel pomeriggio Del Giudice e Napolitano hanno dato ufficialmente le loro dimissioni, vanno comunque ringraziati per quanto fatto, e sono stato nominato io legale rappresentante della Asd. Lo dico da subito: il mio ruolo avrà  un inizio ed una fine perché non sono un imprenditore. Il mio ruolo è quello di essere un traghettatore rispetto alle iscrizioni, fidejussioni, fino a trovare degli imprenditori di Nocera e dell’Agro  e fare un tipo di calcio in una certo modo, ma soprattutto con serietà. Miracoli non ne riesco a fare ma farò il possibile e quanto è nelle mie possibilità. Sarò da tramite con gli imprenditori che vogliono sposare la causa Nocerina, chi vuole discutere o conoscere la gestione reale e debitoria non c’è nulla da nasconedere, ho io tutte le carte. Per quanto riguarda l’iscrizione la proprietà che ha fatto capo a Padovano ha messo già quasi l’intera cauzione di 29 mila euro per l’iscrizione di Serie D che inizia lunedì e ci sarà tempo fino a venerdì sera, contemporeaneamente ho chiesto il al sindaco per un rapporto più istituzionale: siccome mi sono arrivati dei messaggi su alcune situazioni poco lineari e chiare, avevo chiesto al sindaco di fare una conferenza immediata aperta a tutti magari già stasera allo stadio, però alla formalizzazione del mio incarico tutti gli uffici erano già chiusi ed era impossibile avere i protocolli per le concessioni dei luoghi pubblici, così ho chiesto aiuto ai vecchi amici dell’Alfa Recupero Crediti, per questo siamo qui. Era un dovere di chi nel passato mi è stato vicino, però devo dire che il primo passaggio che ho fatto è stato al sindaco e alle istruzioni. Parecchi amici si erano offerti per ospitare questa conferenza, però per evitare collocazioni ed etichette ho preferito scegiere io di prima intenzione. Domani alle 10:30 incontrerò i tifosi e questo è un altro passaggio istituzionale e doveroso: Il tifoso deve essere incontrato allo stadio, per questo parlerò con chi vorrà incontrarmi al San Francesco domani mattina.
La realtà imprenditoriale di Nocera ci deve dare una mano. Si fanno le iscrizioni, si fanno i primi passi però non posso fare miracoli e non ho intenzioni di prendere per i fondelli nessuno, ci vogliono certezze. Mi sono messo a disposizione e c’ho messo la faccia. Spero di trovare una soluzione per fare andare avanti la Nocerina. I campionati si possono fare anche con 300 mila euro, non bisogna spendere per forza un milione, però bisogna vedere cosa si vuole fare. L’apertura è a tutti quelli che sono interessati, dai grandi imprenditori agli sponsor, però c’è bisogno dimassimo rispetto ed equilibrio, chi vuole fare il truffaldino di turno non si dovrà nemmeno avvicinare. Accettiamo tutto anche i piccoli sponsor però purché sia nella legittimità e nel rispetto di questi colori. Sono a disposizione per chi vuole incontrarmi. I passi da gigante non posso farli, ci metterò la faccia e chiedo la massima collaborazione di tutti quanti, stampa, istituzione e tifosi. Fare nomi di giocatori è presto, non dobbiamo ingannare nessuno questa è la situazione: non abbiamo nemmeno una società, come possiamo parlare di altro? Il passaggio da Asd ad Srl è un passaggio fondamentale, però siccome non so chi interpolarmi ancora se ne parlerà più in là. L’Asd è una associazione dilettantistica, in D come in terza categoria, l’inquadratura giuridica va fatta però devo avere l’interlocutore principale. 
Il rapporto con Nocera è sempre bello. Restare a società costruita? Qualcosa di buono l’abbiamo fatto. Dobbiamo andare avanti. Se ci sono le condizioni, ma non solo economiche, allora potremmo fare un ragionamento serio. Questa è la realtà. Certamente mi farebbe piacere restare ad amministrare. Può arrivare l’imprenditore di turno che si porta il suo manager”.
In ogni caso sono qui per fare il bene della Nocerina.

Leave a Reply