post

PAGELLE | Campanella e D’Anna stoici. Liurni, sei una sentenza

Le pagelle di Nocerina Live dopo Taranto-Nocerina:

Scolavino 6,5: Autore di interventi provvidenziali, bravo nelle uscite. Da rivedere coi piedi.

De Siena 6,5: Ha fatto da vero baluardo, salvando letteralmente la squadra sulla linea e quasi annullando Oggiano del Taranto. Gioca con una sicurezza tale da non sembrare un under.

Campanella  e D’Anna 7: La “strana coppia” di difesa gioca una gara magistrale, contenendo quanto possibile le sortite offensive del Taranto.

Calvanese 6: Gara ordinaria per lui, qualche sbavatura in fase di impostazione. Non male però per un terzino adattato a centrale.

Mincione 7: L’intelligenza tattica mostrata oggi da sfoggio del miglior Mincione visto fin’ora. Intuizione d’oro nel servire al limite dell’ara Liurni in occasione del gol.

Carrotta 6: Perde troppi palloni e per poco non compie il disastro mettendo fuori causa Scolavino, ha una lieve ripresa nel finale.

Messina 6: Buon primo tempo, evanescente nella ripresa dove si è voltato maggiormente alla fase difensiva.

Cristaldi 7: Buona la prima per l’ariete argentino. Fa a sportellate coi difensori nel primo tempo, nel secondo tempo manda fuori causa gli avversari con diversi trick, favolosa l’apertura che manda in porta Liurni.

Liurni 7: Ha il merito di trovare un gol da posizione quasi impossibile, regalando la vittoria ai suoi. Troppo lezioso nel primo tempo, potrebbe chiudere la pratica pochi minuti dopo il primo gol, ma spara su Sposito.

Corcione 6: Gara sufficiente per il 2001, aiuta più in fase di impostazione che di proposizione.

Pozziello 6: Chiamato più per agire in fase di ripiego, spende bene i suoi minuti in campo.

Ciampi 6,5: Dato per partente, decide di zittire tutti: chiudendo magistralmente due volte Favetta e giocando senza fronzoli.

Pisani 6: Ha dato manforte a De Siena in fase difensiva, gestisce ordinatamente il dirimpettaio rossoblè.

[ad code=1 align=center]
[ad code=2 align=center]

642900cookie-checkPAGELLE | Campanella e D’Anna stoici. Liurni, sei una sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *