post

A mente fredda: Nocerina un punto che sa di vittoria

Un punto che sa di vittoria per la Nocerina che torna da Francavilla in Sinni con un 2 a 2 in rimonta frutto di un buon secondo tempo fatto di grinta e coraggio contro una formazione, quella potentina, che era costretta a vincere.

 

I rossoneri del duo Esposito-Cavallaro restano agganciati alla zona play out, a quattro punti dalla salvezza diretta. Un pareggio che profuma di successo. Si può decisamente riassumere in questo modo il 2-2 ottenuto, dai rossoneri, nel match contro il Francavilla . Una Nocerina che ha dovuto rinunciare anche a tre titolari: Campanella (infortunato), D’Anna e Carrotta (squalificati), con 4-3-3 intercambiabile che spesso, durante la contesa, mutava, con i rossoneri costretti a difendersi, anche a cinque, per contrastare le pericolose incursioni avversarie. La formazione molossa provava a fare il gioco inizialmente e creava occasioni da goal, mentre il Francavilla , dal canto suo, prendeva le misure ai rossoneri e passavano in vantaggio (dopo una mezza disattenzione difensiva rossonera) con un tiro di Nole a tu per tu con il portiere. La Nocerina aveva il merito di non mollare, reagiva e pareggiava con Granata da calcio d”angolo. Nel secondo tempo le due formazioni si affrontano con gli stessi undici del primo tempo. La Nocerina ad inizio della ripresa dell’incontro appare padrona del centrocampo con un Francavilla che appare in difficoltà non riuscendo a proporre gioco in fase offensiva. Arrivano i primi cambi per le due squadre ed entra in campo il goleador Liurni per la Nocerina mentre il Francavilla fa entrare Flordemundo e Carella in modo tale da essere più offensiva in campo. Però una disattenzione clamorosa della Nocerina viene pagata a caro prezzo, con Fanelli che solo in area riesce a tirare al volo e mettere il pallone in rete. La partita si porta stancamente verso la fine e l’arbitro concede quattro minuti di recupero fino al 92’ con Dieme che si inventa un goal stupendo girandosi da fuori area mettendo il pallone imparabilmente alle spalle di Caruso. La gara di ieri non passerà di certo agli annali di quelle piu spettacolari ed indimenticabili, questo soprattutto nel secondo tempo, quando, subentrata la paura di farsi male e di perdere l’occasione di muovere la graduatoria. Pertanto, sia il gioco che le occasioni da rete, ne hanno decisamente risentito. Infatti, nella ripresa, dopo il vantaggio dei rossoblu addormentavano la partita conservando a lungo il possesso palla, senza creare comunque nessun serio pericolo e difficoltà alla porta difesa da De Brasi. Una squadra, quella molossa, molto compatta e ben disposta in campo dall’ ex calciatore rossonero Cavallaro. I sostenitori molossi , evidentemente divisi nella reazione emotiva tra, chi voleva un maggior impegno e l’intera posta in palio e, chi invece era seguace della corrente di pensiero del: chi si accontenta gode. Pensando agli aspetti positivi sono comunque 2, ora, i punti di vantaggio, in classifica, sulla retrocessione diretta e appena 4 dalla salvezza. Certo sta che bisogna raggiungere il traguardo auspicato e dar modo al sodalizio rossonero di programmare, in anticipo, la nuova stagione calcistica e questo potrebbe rappresentare un sicuro vantaggio. Se a questo si aggiungessero anche futuri ingressi societari si potrebbe davvero sperare e mettere le basi e tornare come si profila dalla serie D, al calcio che conta.

[ad code=1 align=center]

[ad code=2 align=center]

680800cookie-checkA mente fredda: Nocerina un punto che sa di vittoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *