post

Emilio Belmonte: l’attaccante uruguaiano che stava per portare la Nocerina in serie B


Tanti auguri a Emilio Belmonte che compie 48 anni

Nella stagione 1997/1998 ha militato nella Nocerina un calciatore uruguaiano, che ha vantato una buona esperienza in serie C1 e serie B con qualche partita in serie A. Emilio Belmonte, nativo di Montevideo, inizia la sua carriera nella Reggina, squadra con cui vincerà un campionato di Serie C1 nella stagione 1994/95. L’attaccante proseguirà la carriera tra Fermana, Fasano, Bisceglie





Nella stagione 1997/1998 entra nella dirigenza della Nocerina l’imprenditore Mario Gambardella coadiuvato da Francesco Maglione e Costabile D’Agosto. Uno dei primi rinforzi della compagine rossonera è Belmonte, il quale l’anno prima con il Bisceglie in serie C2 aveva realizzato otto gol. Nuovo allenatore è Gianni Simonelli, ex allenatore della Salernitana. Durante il campionato il principale marcatore è Emilio Belmonte e il campionato termina con il passaggio ai play-off.

L’andata della semifinale degli spareggi è vinta in casa contro il Gualdo per 2 a 0. Nella partita di ritorno il Gualdo passa in vantaggio nel primo tempo e nella ripresa i nocerini pareggiano con De Palma. Il Gualdo passa nuovamente in vantaggio al 77º minuto con Di Venanzio che si ripete al 92º minuto. Al 93º minuto i nocerini accorciano le distanze con un gol in semirovesciata di Di Rocco: la Nocerina sconfitta con un solo gol di scarto per 3 a 2 passa il turno.

La finale si gioca allo stadio Del Conero di Ancona contro la Ternana degli ex Delneri e Fabris: la Nocerina perde per 0 a 1, con gol di Arcadio nel corso del primo supplementare. Al termina del campionato Gambardella acquistò l’intero pacchetto della Nocerina.

Emilio Belmonte la stagione successiva viene acquistato dalla Salernitana neopromossa in Serie A. Esordisce con la maglia granata il 17 Ottobre nel match esterno contro il Parma, siglando il suo primo gol il 6 Gennaio del 1999 contro il Cagliari e portando a referto 8 presenze con la casacca granata. Causa infortunio, a fine Gennaio viene girato in prestito al Treviso in Serie B, dove in 7 presenze racimola un gol. L’anno successiva ritorna alla Salernitana retrocessa in Serie B, ma sempre a Gennaio viene girato in prestito alla Pistoiese, sempre in Serie B. L’anno successivo viene acquistato dal Palermo, compagine con la quale vincerà, per la seconda volta in carriera, il campionato di Serie C1.

Nella stagione  2001/2002 la Nocerina deve affrontare un campionato di serie C2 dopo i play out persi contro la Viterbese. La squadra viene affidata all’esperto Piero Cucchi con l’obiettivo dichiarato di vincere il campionato e ritornare in C1. Il sodalizio rossonero si rinforza acquistando di nuovo Emilio Belmonte, fresco vincitore di un campionato di serie C1 con il Palermo. Il fallimento e l’esclusione dai campionato professionistici del Savoia e della Juve Stabia, dovute alle inadempienze del presidente Pane, permettono tuttavia alla Nocerina di giocare nuovamente in C1. La squadra resta nei bassifondi della classifica: si succedono come allenatori Cucchi, Dellisanti, ancora Cucchi e in ultimo Pietro Paolo Virdis. La Nocerina chiude il campionato al sedicesimo posto e dopo aver perso ai play-out contro il Benevento, è retrocessa nuovamente in Serie C2. In questa stagione Emilio Belmonte riesce a totalizzare 26 presenze realizzando 8 gol.

Nella stagione 2002/ 2003 l’attaccante uruguaiano viene riconfermato nella formazione rossonera per tentare un pronta risalita in serie C1 . La squadra viene affidata a Eziolino Capuano (poi sostituito da Buffoni) e arrivano calciatori come Leandro Lazzaro, Daniele Balli, Emiliano Bigica e Onofrio Barone. La Nocerina in questo campionato arriva ai play-off, persi con il Catanzaro. Gambardella al termine del campionato lascia la società e cominciano forti difficoltà economiche: una cordata di imprenditori locali salva la Nocerina dal fallimento.

Dal 2004 al 2007, anno del suo ritiro, veste le maglie di Fermana, Vigor Lamezia, Benevento, Cosenza ed Alessandria. Appesi gli scarpini al chiodo, nel 2008 ricopre il ruolo di vice allenatore della Reggina guidata da Nevio Orlandi.

Nel 2009/10 ricopre il ruolo di allenatore nel settore giovanile della Reggina, dapprima come trainer dei Giovanissimi Regionali ed infine della Primavera calabrese nella stagione 2013/14.  

689380cookie-checkEmilio Belmonte: l’attaccante uruguaiano che stava per portare la Nocerina in serie B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *