post

Ecco i soldi dello stato che potrebbero salvare i dilettanti

I colleghi della redazione del Notiziario del Calcio hanno analizzato tutte le dichiarazioni e anche il comunicato finale, pubblicato al termine del Consiglio della Lega Nazionale Dilettanti, i vertici della LND hanno sottolineato la necessità di includere ai 10 milioni a bilancio le risorse che arriveranno dagli stanziamenti messi in campo dal governo.

Una sforbiciata netta arriverà per le iscrizioni, a partire dall’Eccellenza. Dai quasi 8000 euro, tenendo conto di tutte le voci, si passerà a circa 1000 (ma anche le altre categorie avranno delle facilitazioni), inoltre anche il premio dell’assicurazioni sarà tagliato di due euro.

Un passo in avanti importante, ma  da integrare, nelle aspettative della Lega, con i fondi statali, per avvicinarsi quando più possibile ai 32-33 milioni annui necessari per mantenere la “macchina” accesa del mondo dilettantistico.

Il presidente nazionale, Cosimo Sibilia, ha percepito un possibile ridimensionamento della crisi: “All’inizio pensavamo che un 30% dei club non avesse la forza per ripartire, ora contiamo che questa percentuale possa essere fortemente ridimensionata”.

Resta da comprendere, infine, l’esito la partita relativa ai protocolli sanitari, giudicati troppo stringenti da alcuni club. Altri, invece sono già ripartiti con l’attività giovanile, in attesa di un punto di equilibrio che possa riportare il motore dei dilettanti a pieno regime per l’inizio della preparazione estiva.

 

692660cookie-checkEcco i soldi dello stato che potrebbero salvare i dilettanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *