post

MANONI a NL: “Mi ha convinto il progetto di fare un grande campionato. Nocera, tifoseria calda”

Abbiamo intervistato, il neo centrocampista rossonero Francesco Manoni. Di seguito le sue parole durante la nostra trasmissione Nocerina Summer Live.

Francesco Manoni ti vuoi presentare?

“Sono Francesco Manoni, abito a Bassano Romano e sono del 97, Bassano Romano un paese in provincia di Viterbo, ho iniziato nel settore giovanile della Lazio, sono andato alla Viterbese dove ho giocato in serie C fino ad ottobre per poi approdare a Monterosi, dove ho giocato per tre anni e dove rischiammo di vincere il campionato per i primi due anni. Successivamente due anni Ladispoli di cui uno da capitano e adesso sono qui alla Nocerina.”

E’ il tuo primo campionato fuori dal Lazio, cosa ti aspetti dalla Nocerina e soprattutto dai tifosi?

“La situazione la immagino positiva, conosco l’ambiente e ho tanti amici campani, di Napoli e zone limitrofe. Il progetto è molto allettante, mi aspetto un anno di sacrificio ma vincente, dove affronteremo situazioni anche individuali, i tifosi meritano tutto e nelle mie zone non c’è un tifo così caldo, qui invece è tutto diverso”.

Com’è nata la trattativa, conoscevi già direttore sportivo e allenatore, quali sono stati i presupposti per la tua firma?

“Non conoscevo né il mister e né il direttore e non mi aspettavo la chiamata del direttore circa 20 giorni fa. Sono contento e ho sentito direttore e presidente molto contenti del mio arrivo, non ci ho messo tanto a decidere”.

Sei consapevole di quello che ti aspetta?

“E’ una piazza molto ambita, le pressioni ci sono sempre bisogna essere forti caratterialmente.  Questo è il nostro lavoro e queste possibilità possono farci crescere sempre”.

Quali obbiettivi vi siete prefissati con la dirigenza e dove può arrivare questa Nocerina che sta nascendo?

“Il progetto è molto invitante e molto ambizioso. Sappiamo che lo scorso anno è stato contestato vista la posizione in classifica, vogliamo ripartire e far bene, tutti vogliamo rendere concreta la promozione”.

Quali sono le tue caratteristiche tecniche, in che ruolo e modulo preferisci giocare?

“Sono sempre stato un jolly, il mio ruolo naturale è la mezzala destra per le mie caratteristiche tecniche e di corsa. Sono tre anni che gioco ovunque, quest’anno ho giocato anche come centrale in difesa.”

Nelle ultime due stagioni hai segnato complessivamente 12 goal, media non male per un centrocampista?

“Sono caratteristiche che ho, con inserimento e corsa può capitare di segnare”.

Hai già saputo quando inizierete a prepararvi per la stagione?

“Siamo in contatto col direttore, ci sono alcune date da confermare, la prossima settimana si sapranno”.

Il vostro campionato è finito a febbraio, arriverai già con una certa preparazione?

“Il problema generale c’è. Ci siamo fermati per questa situazione e ci sarà dello squilibrio, professionalmente mi sono sempre allenato, spero di essere subito a disposizione del mister”.

In estate ci si tende a rilassarsi terminata la stagione, chi ha continuato ad allenarsi sarà pronto prima per il ritiro?

“Durante la quarantena ho fatto tante trasmissioni ed ho difeso la categoria perché anche se non lo è, siamo professionisti. Conosco molti miei colleghi che ci vivono come fosse un lavoro ed è cosi, anche noi ci sforziamo tanto”.

Cosa ti aspetti e sei consapevole che Nocera è una piazza molto calorosa?

“Mi aspetto tanto da questa stagione, a livello personale in una piazza dove ho deciso di venire subito, mi aspetto tanto dalla società e dalla squadra con un progetto molto valido. Insieme dobbiamo portare la Nocerina dove merita”.

Hai idea di chi possano essere i tuoi compagni?

“Il direttore sta lavorando molto bene, ci saranno delle conferme e ho firmato con molti ragazzi validi, non li conoscevo ma abbiamo parlato tanto”.

[ad code=1 align=center]

[ad code=2 align=center]

[themoneytizer id=”51153-1″]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *