post

Gli acquisti e le trattative del 06/08/2020 in serie D

E’ giunta al termine un’altra giornata ricca di notizie. Di seguito le più importanti

 

SERIE D GIRONE A

 

Caronnese: Altra conferma in casa Caronnese con il ds Ferrara che ha trattenuto Alessandro Vernocchi alla corte di mister Roberto Gatti. Ecco le parole in esclusiva del centrocampista classe ’98 che si veste per un’altra stagione di rossoblù: “Sono molto felice di essere rimasto a Caronno, speravo davvero di rimanere perché non ho mai trovato un ambiente così bello nella mia carriera. L’anno appena trascorso è stato davvero eccezionale, mi auguro di fare bene come l’anno scorso e anzi ancora meglio. Ce la metteremo tutta per fare una stagione di livello”

 

Chieri: Altro importante arrivo in casa Chieri: Daniele De Letteriis. Mancino classe 2001, il difensore centrale di scuola Toro nell’ultima stagione ha vestito le maglie in Serie D di Taranto e Borgosesia. Con un passaggio anche alla Pro Vercelli e una stagione da giovanissimo in Eccellenza, Daniele si è guadagnato a forza di ottime prestazioni la totale di fiducia di mister Marco Didu

 

Ghivizzano a Mozzane: Grande colpo di mercato della coppia Luca Pacitto, direttore sportivo, e Rodolfo Maracci, team manager, che hanno battuto una folta concorenza di molte società di serie D contrattualizando Alberto Muscas. Muscas è un centrocampista duttile con oltre 150 partite da titolare nel campionato di serie D Scandicci, Lentigione e Sangiovannese. Oggi allo Stadio delle Terme, dopo un breve colloquio con il mister Lavezzini, ha indossato la mitica maglia bianco rossa per la fotografia di rito. Con  questo acquisto comincia a prendere forma il nuovo centrocampo del Ghiviborgo.

 

Gozzano: Anche per questa nuova stagione Mauro Lesina sarà il direttore generale del Gozzano. Ha iniziato il suo percorso tra i rossoblù nel 2008 come allenatore in seconda, diventando nella stagione successiva il tecnico della Prima Squadra e centrando l’obbiettivo dei play off. Nel 2011, vincendo il campionato di Eccellenza, ha riportato il Gozzano in Serie D. Dal 2014 è entrato a far parte della dirigenza rossoblù rendendosi protagonista, fra gli altri, dell’approdo tra i professionisti. “Il Gozzano prima di essere una Società calcistica è una famiglia di cui sono fiero di farne parte. In questi anni si è lavorato molto per apportare miglioramenti sia nella Prima Squadra sia nel Settore Giovanile. Arrivare a gareggiare tra i professionisti è stata una gioia immensa che ha portato grandi benefici anche a livello territoriale. Sicuramente c’è del rammarico per come si è conclusa la stagione 19/20, ma il Gozzano è pronto a ripartire e a continuare il nostro percorso di crescita”.

 

Gozzano: A.C.Gozzano comunica ufficialmente di aver assegnato l’incarico di Direttore Sportivo a Riccardo Poi. Il neo DS conosce bene il D’Albertas: qui ha giocato per tre anni dal 2009 al 2012, vincendo il campionato di Eccellenza nella storica stagione 2010/2011 insieme a Mister Lesina “Reputo immensa l’opportunità che mi è stata concessa: quando ho ricevuto la proposta non ci ho pensato due volte e ho accettato subito. Mi riempie d’orgoglio che la Società abbia pensato a me per questo ruolo importante e io farò di tutto per ripagare la fiducia e la stima che hanno avuto nei miei confronti. Dovrò imparare molte cose nuove, ma sono pronto per questa nuova avventura!”.

 

Prato: Il Prato ha nominato il nuovo direttore sportivo: si tratta di Raffaele Pinzani, il quale affiancherà l’allenatore Vincenzo Esposito nella gestione tecnica della squadra. Pinzani ha esperienze con Ponsacco, Real Forte Querceta e Pistoiese.

 

SERIE D GIRONE B

 

Caravaggio: Il Caravaggio ha trovato un accordo con il giocatore Andrea Basanisi, classe 1996, per acquisirne le prestazioni agonistiche per la stagione 2020/21. Il giocatore va a rinforzare il centrocampo biancorosso e porta la sua esperienza di oltre 100 gare disputate in LND. Andrea debutta, come fuori quota, nel Giana Erminio nel campionato 2013/14 per poi passare, per tre anni, al Pontisola. Nella stagione 2017/18 passa allo Scanzorosciate e, lo scorso anno, ha disputato la stagione al Nibionnoggiono dove in 17 partite ha realizzato 6 reti. Queste le prima dichiarazioni di Andrea “ Sono estremamente felice di venire a giocatore in una piazza che vive di calcio e, soprattutto, di entrare in un progetto calcistico molto sfidante. Voglio ringraziare la società per avermi scelto e di aver puntato sulle mie doti calcistiche. Non vedo l’ora di cominciare ad allenarmi per dimostrare tutte le mie qualità e di mettere a disposizione dei giovani la mia esperienza in questa categoria. Una parola per i nostri tifosi. A loro posso dire che ogni domenica daremo il massimo impegno in tutti i 90 minuti per i colori di questa gloriosa società ”.

 

Casatese: Continua colpo su colpo e senza sosta il mercato biancorosso da parte del ds della Casatese Fabio Viganò che riesce a portare in biancorosso un grande attaccante. Simone milita per due anni all’Olginatese passando poi per Sondrio e Legnano, come ultima squadra il USD Breno rimanendo sempre in serie D. Nel suo personale palmarès figurano ben 136 presenze con 54 goal all’attivo! Le prime parole in Biancorosso di Simone Crea Ringrazio la società, in particolare il Ds Fabio Viganò per avermi cercato e voluto. A tutti tifosi biancorossi voglio dire che ogni volta che sarò chiamato in campo darò sempre tutto per questi colori.

 

Real Calapina: Giovani sulla carta (d’identità), ma già con una notevole esperienza calcistica: questa la caratteristica che accomuna Federico Chiossi, Riccardo Villa e Luca Lanza, gli ultimi tre colpi messi a segno dalla squadra mercato della Real Calepina. Classe 1999, centrocampista di grandissima qualità e altrettanta tecnica, Federico Chiossi è cresciuto nel settore giovanile del Modena (Under 17 e Under 19), per poi esordire in serie C con i canarini nel 2016, dove ha collezionato 7 presenze, prima di passare all’Atalanta. Un gioiellino che va quindi ad aggiungersi alla preziosa collezione di talenti già a disposizione del tecnico Simone Carminati per questa nuova avventura in serie D. E la serie D è nel Dna degli altri due innesti targati Real Calepina: classe 2000, difensore roccioso, ma corretto, Riccardo Villa ha alle spalle ben tre stagioni in serie D con Brusaporto, Franciacorta e Pontisola, il che ne fa una garanzia indiscussa per la categoria. E dal Brusaporto sempre in serie D arriva anche Luca Lanza, centrocampista classe 2000 di proprietà della Feralpi Salò.

 

SERIE D GIRONE C

 

Este: Santiago Feullassier è un giocatore dell’Este. L’esterno d’attacco classe 1994 ha firmato l’accordo che lo legherà alla società per la stagione 2020/21. Feullassier, scuola Real Madrid e Rayo Vallecano, proviene dal Sambiase Calcio, dopo una parentesi in Svizzera con Chiasso e Losanna. Queste le sue dichiarazioni: “Non vedo l’ora di cominciare ad allenarmi con i miei nuovi compagni e sono molto carico per questa nuova esperienza in Veneto. Diverse persone mi hanno parlato bene della società e della città, sarà un onore per me vestire i colori giallorossi nell’anno del centenario. Forza Este!”

 

SERIE D GIRONE D

 

Crema: Per orchestrare le manovre a ridosso della linea di attacco il Crema ha scelto Davide Rossi, ingaggiato dalla società di via Bottesini per la stagione 2020-2021. Seconda punta o rifinitore, classe ’92, il neo-acquisto nerobianco dopo essere cresciuto nelle giovanili della Cremonese ha costruito una carriera tra professionisti, Serie D ed Eccellenza. “Mi ha convinto il progetto – dice Davide Rossi – e sono felice di essere entrato a far parte di una società solida, che negli anni ha dimostrato grande serietà conquistandosi una reputazione impeccabile. Ho solo voglia di ricominciare a giocare dopo la pausa forzata. Sono a disposizione di mister Dossena e sono pronto a rivestire il ruolo che riterrà più idoneo. La flessibilità è una mia caratteristica. Qui voglio fare bene e diventare un punto di riferimento dentro e fuori dal campo. Credo che l’aspetto dell’unità del gruppo sia determinante per raggiungere risultati importanti. Darò il massimo e sono determinato a misurarmi con una città che ama e conosce profondamente il calcio”.

 

Lentigione: La redazione di Solo DIlettanti  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra del Lentigione. Dopo 5 mesi di stop forzato a causa del Coronavirus, la Serie D prova a rimettersi in moto, anche se l’attività ufficiale partirà con un mese di ritardo rispetto alla solita tabella: l’anno scorso il turno preliminare di Coppa Italia si giocò il 18 agosto, quest’anno è previsto il 20 settembre, la prima giornata di campionato si disputò il primo settembre, in questa stagione è stata fissata il 27 settembre. E poi ci sono i protocolli cui attenersi che hanno destato più di una perplessità. In casa Lentigione la società ha operato puntando da un lato sulla conferma delle pedine più importanti, capitan Zagnoni, Scalini, Dall’Osso, Barranca, Caprioni, Martino, Bouhali e i baby Piccinini, forse il miglior giovane espresso dal girone D, e Sanat, dall’altro ingaggiando alcuni giocatori di sicuro rendimento come Tarantino, Tozzi e Rossini e un manipolo di giovani promettenti. Confermatissimo pure Roberto “Bobo” Notari (nella foto di Barbara Bastoni) alla guida della squadra rivierasca: “Sono contento della fiducia della società – rileva Notari – qui mi sono trovato bene e quindi mi fa piacere essere rimasto”. La ripartenza lo vede convinto: “L’importante è che si riprenda facendo quel che dice il protocollo. Non sono d’accordo sulle polemiche in proposito, personalmente penso che non sia facile ma ci si può riuscire”.

Mister Notari, soddisfatto delle scelte della società circa i giocatori?

“Non potrei non esserlo, anche perché le abbiamo condivise. Difficile fare delle valutazioni relativamente al campionato, perché non sappiamo in quale girone saremo inseriti, tuttavia, basandoci sul valore dei nostri giocatori, sono convinto che possiamo fare un campionato importante, soprattutto se avremo molta umiltà e metteremo in campo quella determinazione che ci ha fatto ottenere grandi risultati nella scorsa stagione”.

Qual è il vostro programma di lavoro?

“La prossima settimana iniziamo gli allenamenti, abbiamo tempi e modi per prepararci al meglio”

La prospettiva è che si riprenda almeno all’inizio a porte chiuse, cosa ne dice?

“Il calcio senza pubblico non è calcio, ma dobbiamo attenerci alle disposizioni sperando che presto tutto torni alla normalità”.

 

Rimini: La redazione del Sport Up Rimini  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra bianco rossa.  Rimini è la citta dell’arte e della cultura, delle luci e dei colori, delle poesie e dei racconti da collezione, ma si prepara a diventare anche la capitale del calciomercato professionistico e, purtroppo, anche del pianto cittadino, sempre per quel maledetto pallone che non riesce a trovare proprio pace. Le dimissioni di Alfio Pelliccioni sono state l’ennesimo capitolo di una stagione nata storta, proseguita male e caratterizzata da un passaggio di proprietà che sembrava conducesse a un percorso con strada in rettilineo e in discesa: invece, ecco la prima curva a gomito. Pelliccioni, protagonista come direttore sportivo del “miracolo” Portogruaro (una delle più belle favole del calcio nostrano, da raccontare anche ai nostri nipoti), un curriculum ed esperienza importante, ha salutato Rimini nel silenzio. Un signore sotto tutti i punti di vista che, nonostante fosse stato condizionato da chi dietro le spalle svolgeva il suo stesso compito, ha mantenuto il cosiddetto self-control, lavorando per allestire una rosa competitiva. E nonostante l’ufficialità scritta mai arrivata dal club, Pelliccioni aveva trovato anche il tecnico, Raffaele “Lello” Di Napoli (un allenatore annunciato e mai annunciato), con il quale fino alle 15 di ieri pomeriggio aveva mantenuto un rapporto vivo e collaborativo, monitorando i giocatori utili a completare la rosa per il ritiro; in modo da permettere al tecnico di lavorare fin dalle prime battute con l´intero gruppo a disposizione. Per Di Napoli e i giocatori bloccati una vera mazzata visto che per dire sì a Rimini avevano rispedito al mittente altre offerte. Questa mattina Alfio Pelliccioni intervenuto ai nostri microfoni ha voluto puntualizzare al meglio il discorso delle trattative societarie: “Ho letto di un mio intervento nella trattativa Martone -Rota. Sarei stato io il garante ma non è affatto cosi´. Conosco Martone che è un grande professionista, ma escludo un mio ed un suo coinvolgimento nella trattativa.  Non sono mai entrato nelle trattative tra Rota e i possibili acquirenti”. Ieri sera abbiamo contattato tramite mail l’ex presidente del Rimini per capire se data la situazione di estrema confusione creatasi a Rimini, potesse nel breve tempo, rivedere la propria posizione e rientrare in gioco.  Aspettandoci altri possibili e clamorosi scenari, Giorgio Grassi ha ribadito la sua intenzione di voler rimanere fuori dal calcio. Ringraziandolo per la gentile risposta, ribadiamo sul piano tecnico quanto scritto ieri sera nel nostro articolo delle ore 20.  Il nuovo allenatore sarà Alessandro Mastronicola, mentre il nuovo direttore sportivo potrebbe essere Pietro Tamai. Per entrambi si tratterebbe di una rivincita, dato il rapporto interrotto con la precedente gestione. Mastronicola vanta, come noto, felici trascorsi da calciatore con la maglia del Rimini e da allenatore il famoso “Triplete” nel primo anno della gestione Grassi.  A fine stagione, il rapporto si concluse con la squadra biancorossa in procinto di affrontare il campionato di Serie D, lo stesso che affronterebbe nella prossima stagione. Tamai fu invece protagonista dell’allestimento della rosa nei primi tre anni, con il passaggio dall’Eccellenza alla Serie C; il suo lavoro partì praticamente da zero, comprensivo della ricostruzione del settore giovanile a fianco di Valter Berlini.  Danilo Mariani, l’imprenditore romano che era stato in procinto di acquistare il Rimini, prosegue la sua battaglia legale contro il club: “Confermo di aver inviato alle 7.32 di questa mattina le azioni intraprese nei confronti del Rimini FC, alla Presidenza FIGC, alla Presidenza del CONI e alla Procura Federale”. Questa è l’attuale situazione. Ricomincia così un nuovo percorso (lo definiamo il “Rota 3.0”), dopo la presentazione avvenuta 20 giorni prima e dopo l’abbandono di Pelliccioni. A questo punto al popolo biancorosso non rimane che sperare nella rivalsa di ex condottieri (Mastronicola) e di chi riminese doc (Tamai) ha il Rimini nel cuore.  Per il resto la serie C rimane un miraggio date le squadre iscritte e la situazione attuale societaria che rimane ancora in fase di costruzione, senza dimenticare che molti elementi del settore giovanile stanno prendendo altre destinazioni.Le nostre indicazioni inerenti a questo articolo hanno trovato poche ore dopo l’ufficialità del club.  Il Rimini Calcio ha annunciato il tecnico Mastronicola e il direttore sportivo Tamai. Inoltre il presidente Rota ha smentito la trattativa che lo vedeva coinvolto in prima persona con il sig.re Martone.

 

SERIE D GIRONE E

 

Badesse: Tra finte, giocate e dribbling, non ha impiegato molto a prendersi il Badesse. Arrivato in corsa, non è mai più uscito dal campo. Ora l’asticella si alza e Gianni Riccobono è deciso a dimostrare di avere i “numeri” anche a un livello più elevato. Qualità che la società non ha mai messo in dubbio e la conferma ne è la riprova più evidente.

Gianni, un altro anno in biancazzurro. Quali sono le sensazioni?

«L’entusiasmo è alle stelle. I dirigenti non hanno mai mancato di esprimermi la loro fiducia e quindi non vedo l’ora di ripagare le aspettative. Ho girato spesso negli ultimi anni e la stessa cosa sarebbe potuta accadere anche in questa stagione, ma misurarmi in un campionato come la D, era la mia ambizione maggiore».

Per riaverti in squadra un ruolo importante lo ha giocato anche Guarducci. Cosa significa?

«In queste settimane il mister mi ha fatto capire di credere molto in me. Credo sia difficile volere di più. Poi la fiducia dell’allenatore va guadagnata allenamento dopo allenamento, ma sapere che hai la stima di chi ti guida, è un incentivo a non risparmiarsi mai».

Ritrovi la D dopo tanti anni. Cosa ti aspetti?

«Una stagione tutt’altro che semplice. Ci sono tante squadre di valore e giocatori che potrebbero dire la loro anche tra i professionisti. Tuttavia, sono convinto che il Badesse non debba avere timore di nessuno. Come è stato dimostrato anche l’anno scorso, l’ambiente è sano e la società è solida. Il resto lo deve mettere chi scende in campo».

Alle spalle hai un campionato vinto. Cosa ti resta della stagione passata?

«La coesione del gruppo. Io non c’ero all’inizio, ma dall’accoglienza che mi è stata riservata e dal legame che si è creato, posso dire che il legame tra di noi è stato il nostro fuoriclasse. Al di là dei risultati, non è stata una stagione semplice. Se siamo arrivati in fondo, è soprattutto merito della nostra capacità di fare quadrato».

I mesi di stop invece come sono stati?

«Difficili. All’inizio è stato complicato fare l’abitudine con una situazione inedita. Poi quando abbiamo capito che con il calcio giocato per quest’anno era finita, c’è stato da fare i conti con i regolamenti. Alla fine è andato tutto bene sul piano sportivo, anche se la vittoria non ha lo stesso sapore. Per non parlare della difficoltà di non poterci allenare come si deve».

Anche la società è stata toccata da questa situazione. Come vedi la rivoluzione nell’organico?

«Mi spiace non ritrovare diversi miei compagni, proprio per il rapporto che avevo con molti di loro. Però, ho fiducia nelle mosse dei dirigenti e sono convinto si stiano attrezzando per rendere il Badesse competitivo. Come detto, il livello è alto, ma la nostra rosa non ha da invidiare niente a nessuno».

Quali sono i tuoi obiettivi?

«Voglio dare il massimo per la nostra causa. Da persona umile, punto a migliorare tutte le mie debolezze e a sfruttare l’occasione di un campionato di qualità. Poi c’è anche l’ambizione di dimostrare che non siamo una neopromossa occasionale. La salvezza è il primo obiettivo, ma vorrei togliermi anche delle soddisfazioni».

Il 10 agosto che giorno sarà?

«Un bel giorno. Si riparte. Non so se si potrà tornare subito ad allenarci normalmente, ma già essere in campo per la preparazione, è un segnale più che incoraggiante».

 

Foligno: Il Foligno ha  raggiunto ufficialmente l’accordo con l’attaccante Antonio Broso per la stagione sportiva 2020/2021. Il giocatore, nativo di Vibo Valentia, ha un bottino di 67 reti in 240 gare tra Serie C e Serie D. In fase di definizione anche il trasferimento in ingresso del difensore Niccolò Dondoni dal Chieti. Quest’ultimo, originario di Nocera Umbra, può vantare 3 presenze in Serie B, 11 in C e un campionato di D vinto con l’Avellino. Si comunica inoltre che faranno parte della rosa della prossima stagione anche i calciatori Lorenzo Roani, Federico Giabbecucci, Tommaso Piancatelli e Alessandro Giannò.

 

Sangiovannese: La redazione di Forza Sangio Sport Up Rimini  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra toscana. L’appuntamento è per le 9 quando nuovi e vecchi componenti del passato gruppo si ritroveranno negli spogliatoi del Fedini per la ripresa, ufficiale, delle attività. Con tutte le disposizioni anti-covid possibili, vedi l’utilizzo di due spogliatoi per evitare i contatti, tre elementi per volta sotto la doccia, sanificazione dei palloni e degli ambienti, lista di accesso all’interno della struttura limitata a 35persone più altre, piccole, accortezze che la società dovrà rispettare per per il famoso protocollo sanitario vigente. Anche per chi vorrà assistere agli allenamenti in tribuna non sarà la stessa cosa degli ultimi anni. Questi primi tre giorni, con allenamenti mattutini, saranno quasi esclusivamente riservati ai test, un gruppo lavorerà con Gianmaria Bernini per la parte atletica e l’altro, per l’aspetto tattico, con Agostino Iacobelli perché come giustamente tiene a precisare “A calcio si gioca col pallone“. A sua disposizione circa 30 giocatori, tre di questi saranno in prova e troviamo due Under, tra i quali Leonardo Cirri 2001 del Pontedera, e il 22enne Tommaso Martini, centrocampista con passati nello Spoleto in D e negli ultimi due anni a Levane in Seconda Categoria. Ha chiesto di potersi allenare per sostenere un provino, vive proprio a Levane e la società d’accordo col mister ha acconsentito. Dopo questi primi giorni di lavoro ci sarà la Domenica libera e da Lunedì, con doppie sedute, via alla preparazione vera e propria.

 

SERIE D GIRONE F

 

Campobasso: La SS Città di Campobasso amplia la propria base societaria garantendo sempre maggiore solidità per il futuro attraverso la costruzione di legami seri e duraturi.  Sarà infatti annunciato domani, venerdì 7 agosto alle ore 16 (ingresso riservato esclusivamente alla stampa secondo le normative di prevenzione del contagio), presso la sala conferenze del Centrum Palace Hotel & Resorts, dal patron del Club Mario Gesuè e dall’Amministratore Delegato di Augusta Ratio Flavio Augusto Battista l’ingresso del Gruppo energetico italiano nel capitale sociale del Campobasso Calcio, con una quota del 20%.   Rinnovato per i prossimi tre anni l’accordo di sponsorizzazione dei rossoblù da parte di Levigas, società del Gruppo Augusta Ratio L’accordo rafforza ulteriormente la partnership già in essere tra il Club e il Gruppo energetico in quanto prevede il rinnovo per i prossimi tre anni della sponsorizzazione con Levigas, come Top Sponsor sulle maglie dei rossoblù. “Siamo orgogliosi di annunciare l’ingresso di un nuovo socio nel CdA rossoblù. Diamo il benvenuto alla Holding Augusta Ratio che entra a far parte dell’assetto societario del Campobasso con una quota del 20% che sarà interamente reinvestita nel club” le parole del patron del Campobasso Calcio Mario Gesuè che ha aggiunto: “l’entrata del nuovo socio ci gratifica per il lavoro svolto fin qui e ci dà più entusiasmo per portare avanti il nostro progetto”.  “Dopo la prima stagione come Top sponsor del Campobasso Calcio, abbiamo voluto rafforzare il nostro impegno sposando il progetto di crescita del Club. Per Levigas, presente in città con un punto vendita, Campobasso è un’area di grande importanza e l’ingresso nel Club in qualità di soci di minoranza risponde pienamente ai nostri valori di vicinanza alle persone e al territorio”, ha affermato l’Amministratore Delegato di Augusta Ratio, Flavio Augusto Battista. Levigas è una società attiva a livello nazionale nella vendita di energia elettrica e gas naturale a famiglie e imprese, con oltre 70.000 punti di consegna. La società è controllata al 60% dal Gruppo Augusta Ratio, operatore integrato della filiera commerciale del gas naturale e dell’energia elettrica, attivo nell’approvvigionamento, nel trading sulle più importanti piattaforme di scambio del Nord Europa e sul PSV italiano, e nella vendita di gas naturale ed energia elettrica all’ingrosso. La conoscenza approfondita del mercato del gas naturale e dell’energia elettrica e la possibilità di poter contare su fonti di approvvigionamento del gas e di energia elettrica affidabili ed economiche grazie a contratti con solidi player del settore, consente a Levigas di fornire soluzioni innovative e concrete sulla base delle specifiche esigenze di ogni cliente.

 

Castelfidardo: «Ci aspetta un campionato molto duro, dovre­mo calarci subito in questa ca­tegoria»: parola di Simone Da­vid, portiere confermatissimo di un Castelfìdardo che fra me­no di una settimana inizierà a fare sul serio. Già, perché lune­dì 10 agosto è stato fissato l’ini­zio della preparazione. Non è ancora certa la data di inizio del campionato, ma il tecnico Mau­rizio Lauro vuol partire con lar­go anticipo, visto il salto di cate­goria.

Il portiere meno battuto

«Sono molto contento della promozione ottenuta – raccon­ta lo spiderman del Castello, molto apprezzato sin da subito anche dai tifosi -. Certo, non ha dato le stesse sensazioni di una vittoria ottenuta sul campo, sa­rebbe stato bello poterla festeg­giare tutti insieme a fine parti­ta». E lui sì che in particolare avrebbe avuto motivo di festeg­giare. E’ stato il portiere meno battuto di tutta l’Eccellenza. Questo è stato il vero punto di forza della squadra biancover­de nella stagione mozzata dal Covid: una fase difensiva tosta, solida, capace di concedere le briciole anche agli attaccanti più forti del campionato. Appe­na 13 volte il pallone è finito in fondo al sacco del Castello: po­co più di un gol subito ogni due gare. Decisamente meglio dell’Atletico Gallo, la seconda miglior difesa con 19 reti incas­sate. Un abisso di differenza ri­spetto alle altre inseguitrici di questa speciale e significativa classifica: Porto D’Ascoli, Mon- tefano e Forsempronese ne hanno presi 24, praticamente il doppio dei fisarmonicisti. Inuti­le sottolineare che una bella fet­ta di merito è stata proprio del­le parate di Simone David. Che di Serie D ne ha vista tanta. Ha militato in quarta serie con le casacche di Sansepolcro, Anco­na, Arezzo, San Donato Taver- nelle e Jesina (oltre a due sta­gioni in Serie C).

«Serie D tosta»

«Il prossimo sarà un torneo du­ro come storicamente è la Serie D – seguita il numero 1 del Ca­stelfidardo -. Dobbiamo calarci subito nella categoria ed essere disposti al sacrificio, oltre a le­gare molto bene tra i vecchi e i nuovi arrivati, per fare una buo­na stagione e arrivare in fondo soddisfatti. È tutta un’altra cate­goria rispetto all’Eccellenza, cambia molto a partire dall’im­pegno settimanale, consideran­do la più elevata frequenza de­gli allenamenti. Ma a cambiare è anche la velocità delle giocate e quella di pensiero dei giocato­ri. Cambia anche la fisicità. E non bisogna dimenticare che in D occorre schierare quattro giocatori under: sono tanti e spesso fanno la differenza».

 

Castelfidardo: Oltre a mister Maurizio Lauro, sono tanti i protagonisti dell’ultimo torneo di Eccellenza che vestiranno ancora la casacca biancoverde. Ecco l’elenco dei primi confermati per la prossima stagione, che vedrà il ritorno del Castelfidardo nel campionato di serie D: Simone David, Andrea Puca, Igor Zetti, Leonardo Rinaldi, Luca Bandanera, Alessandro Di Dio, Andrea Capponi, Giovanni Antogiovanni, Alessio Bracciatelli, Lorenzo Braconi

 

F.C. Matese: Registriamo un nuovo arrivo in casa Fc Matese. Un nuovo colpo under messo a segno del direttore sportivo Raffaele Corsale che ha definito l’ingaggio di Paolo Masotta, anno 2002, esterno destro proveniente dalla Primavera Juve Stabia.

 

Olympia Agnonese: La redazione di Eco Alto Molise e il giornalista  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra molisana. Mentre la Co.Vi.So.D dà l’ok alla domanda d’iscrizione dell’Olympia Agnonese al campionato di serie D (il quattordicesimo consecutivo), la società granata lavora alacremente per tentare di pianificare la prossima stagione. A riguardo domani sera (ore 19,00) nella sede sociale di Viale Castelnuovo convocata un’assemblea che vedrà la presenza dei soci e del presidente dimissionario Marco Colaizzo. L’imprenditore nel settore della vendita di auto, dopo tre anni di gestione, sembra intenzionato a lasciare il timone del club che a un mese (20 settembre) dalla partenza della Coppa Italia si ritrova senza rosa e staff tecnico. Nelle settimane scorse, infatti, tutti i giocatori della passata stagione hanno trovato sistemazione altrove, compreso i tecnici Erminio Rullo e Matteo Pizzi. Intanto sul fronte società nelle ultime ore indiscrezioni parlano di trattive in corsa per cedere il pacchetto maggioritario. Al momento solo voci che tuttavia vanno confermate anche se l’intero ambiente spera in un ripensamento della famiglia Colaizzo. La sensazione è che il futuro dell’Agnonese in quarta serie resta appeso ad un filo. Domani sera se ne saprà certamente di più.

 

Pineto: La redazione della a tutto calcio.tv  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra abruzzese.  Prima della ripartenza con la preparazione in vista del prossimo campionato di Serie D, il Pineto ha eseguito i test sierologici a tutta la squadra, staff tecnico e dirigenti allo stadio “Mariani – Pavone”. Il 10 agosto inizia la preparazione alle ore 16:30 sempre allo stadio “Mariani – Pavone”. L’accesso è consentito solo ai calciatori, staff tecnico e dirigenti per norme Covid. A guidare gli allenamenti sarà mister Daniele Amaolo coadiuvato da mister Fabrizio Castelli in seconda . Fabio Perazzetti sarà il preparatore atletico, Michele Radunanza il preparatore dei portieri. Confermati come massaggiatori Roberto Di Clemente e Davide Senesi.

 

Porto Sant’Elpidio: L‘Atletico Calcio Porto Sant’Elpidio ha un nuovo responsabile dell’area tecnica. Lo ha annunciato la società con il seguente post su facebook: Con Renzo Morreale c’è un rapporto ultradecennale che va oltre il calcio. È un rapporto di amicizia e stima reciproca. Renzo è come se ci fosse sempre stato, anche quando le strade dal punto di vista professionale si sono divise. Proprio per essere molto legato all’ambiente ha deciso di accettare la proposta del presidente Gianpaolo Marini che lo vuole come Responsabile dell’area tecnica. Il suo sapere di calcio verrà messo a disposizione per l’assunzione del nuovo allenatore e i nuovi giocatori per la prossima stagione. Sarà un ruolo fuori dal campo, ma ugualmente importante, considerando che non ci sarà un direttore sportivo. Un ringraziamento del presidente Gianpaolo Marini va quindi a Renzo Morreale per il contributo che saprà dare alla causa dell’Atletico Calcio Porto Sant’Elpidio. 

 

Tolentino: Nella giornata di ieri atleti, tecnici, collaboratori e dirigenti cremisi sono stati sottoposti a test sierologici onde verificare se gli stessi siano già stati oggetto di contagio da covid-19. Tale verifica sanitaria, coordinata dal medico sociale Dr. Stefano Gobbi, prevista come facoltativa in taluni protocolli vigenti in materia di svolgimento di attività sportive è, invece, inserita obbligatoriamente in quello interno dell’U.S. Tolentino 1919 predisposto per lo svolgimento del raduno pre-campionato della prima squadra. Questo momento ha rappresentato l’occasione per rafforzare ancora di più l’amicizia tra Tolentino e Pineto ed, in particolare, tra il presidente Marco Romagnoli ed il Dr. Silvio Brocco, presidente del club abruzzese. Questi, titolare del laboratorio analisi “Clini.Lab. S.r.l.” è giunto direttamente al “Della Vittoria” ove, del tutto gratuitamente, ha effettuato i prelievi di sangue necessari per i test sierologici. Nell’occasione, il patron del club bianco-azzurro ha anche donato al sodalizio cremisi un rilevante quantità di prodotti igienizzanti distribuiti dalla “Liofilchem S.r.l.” azienda fondata dallo stesso nel 1983. Anche il Sindaco Pezzanesi ha voluto ringraziare personalmente per il gesto di generosità ed amicizia il Dr. Silvio Brocco. “Si è trattato di un momento di alto valore simbolico” – ha commentato il presidente cremisi Romagnoli – “non solo perché, finalmente, abbiamo ripreso pur nei limiti del consentito l’attività in vista della prossima stagione, ma soprattutto perché l’amicizia venutasi a creare con Silvio Brocco ha avuto un ulteriore consolidamento. Nonostante le tre gare che ci hanno visto avversari lo scorso anno siano state di quelle maschie e combattute all’arma bianca sul campo, il rispetto e l’amicizia prima e dopo si sono rafforzati. Aver conosciuto Silvio è stata una delle cose più belle della scorsa stagione. Si tratta di una persona generosa, competente e portatrice dei nostri medesimi valori che ringrazio infinitamente”. “Speriamo che i vertici federali ci forniscano presto protocolli sanitari a cui attenerci e che questi siano oggettivamente praticabili” – ha sottolineato il presidente abruzzese Silvio Brocco – “Il fatto che intanto si proceda con i test sierologici è molto importante per consentire agli atleti di lavorare in tutta tranquillità, oltreché a rappresentare un gesto di grande responsabilità da parte della club. Sono stato felice di poter condividere questo momento con amici come Marco Romagnoli e Stefano Gobbi con cui abbiamo stretto una grande amicizia nata proprio in occasione della condivisione della comune passione per il calcio. Questo ci ha portato, anche nei giorni scorsi, a confrontarci sul come riprendere l’attività al meglio”.

 

SERIE D GIRONE G

 

Latte Dolce: Daniele Bianchi, esperto centrocampista classe 1988 che da tre anni ormai è uno dei perni del Latte Dolce allenato mister Stefano Udassi. Un punto di riferimento sulla mediana, grintoso professionista che si appresta a cominciare la sua quarta stagione consecutiva con la maglia biancoceleste. Daniele Bianchi, centrocampista del Sassari calcio Latte Dolce: «Questo sarà per me il quarto anno al Sassari calcio Latte Dolce: non mi è mai capitato in carriera di giocare così a lungo per la stessa squadra. Questo vuol dire che sto bene e mi trovo bene, che sento forte la voglia di non fermarmi, di cercare di fare il passo successivo insieme a questa società. E significa anche che ci sono le condizioni per lavorare bene. Queste al momento sono componenti fondamentali per chi vuole alimentare il suo percorso calcistico e professionale con stimoli e motivazioni: vorrei finire la prossima stagione sentendomi un giocatore migliore. Lo scorso campionato si è interrotto il primo marzo, l’ultimo allenamento di gruppo risale al 6 marzo: ci siamo sentiti come dei bambini cui viene tolto il divertimento più grande. Fortunatamente stiamo già svolgendo un programma che ci consente di toccare il pallone e riprendere gradualmente a lavorare dopo una lunga pausa: è importante, vogliamo farci trovare pronti all’appuntamento con la stagione. Il futuro del Sassari calcio Latte Dolce? La nostra dirigenza sta portando avanti il progetto di miglioramento della struttura all’interno del quartiere, per noi giocatori il futuro passa dal prossimo allenamento e dalla voglia di ragionare sempre sul concetto di noi, inteso come gruppo che sa fare squadra. Passa dalla voglia di essere equilibrati e affamati anche dopo una vittoria e di restare compatti anche nei momenti difficili, fisiologici nel corso di una stagione. Cosa posso dare a questo progetto? Si vedrà quando un giorno si tireranno le somme. Prendo in prestito una citazione e la adatto alla situazione: vorrei lasciare la mia maglia in un posto ancora migliore di quello in cui l’ho trovata. Cresceremo insieme, tutti. Io devo continuare a pensare ad accrescere il valore del mio contributo in campo, devo pensare a migliorarmi come giocatore restando sempre a disposizione di chi sta iniziando ora il suo percorso nella prima squadra».

 

Portici: Il Portici ha annunciato l’acquisizione delle prestazioni sportive di Vincenzo Maione, attaccante nato a Napoli il 13 ottobre 1994. Cresciuto calcisticamente a Ischia, Maione si è messo in mostra sull’Isola prima di cambiare tante maglie negli ultimi anni: nel triennio 2017-20, ha giocato con le maglie di Agropoli in Eccellenza, poi Sarnese e Francavilla in Serie D. Il calciatore si è già unito al gruppo di lavoro che in questi giorni si sta preparando con Mister Panico al prossimo ritiro della prima squadra.

 

SERIE D GIRONE H

 

Casarano: Altre riconferme in casa rossazzurra. A disposizione di Mister Feola sono stati riconfermati per la stagione agonistica 2020-2021: Andrea Feola, Leonardo Versienti e gli under Rocco Occhiuto, Luka Lobjanidze, Antonio Atteo.

 

Foggia: La redazione di Foggia Today in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra pugliese. Altro colpo di scena in casa Foggia. Dopo l’aut aut del sindaco Landella, che ha esortato i soci a palesare garanzie economiche o, in alternativa, fare un passo indietro, un po’ a sorpresa, Maria Assunta Pintus, legale rappresentante della Map Consulting (titolare della metà della Corporate detentrice dell’80% delle quote della società rossonera), manifesta disponibilità a farsi da parte.  Lo fa con una nota ufficiale: “Vista la situazione di stallo totale societario venutasi a creare all’interno della società Calcio  Foggia 1920, che sicuramente andrà risolta nelle prossime ore, ha deciso di accogliere l’appello del Sindaco di Foggia decidendo di mettere a disposizione le proprie quote societarie”. Una dichiarazione di intenti che arriva all’indomani della risposta del presidente Felleca, il quale ha prodotto documentazioni che certificherebbero la sua solidità finanziaria: “Forte delle dichiarazioni del presidente Felleca, sulla sua disponibilità e sulla sua solidità finanziaria utile per garantire, anche da solo, sia la domanda di ripescaggio che le spese di gestione per affrontare il campionato in Lega Pro, consapevole che sin dal primo giorno del suo coinvolgimento nell’impresa calcistica Foggiana ha sempre onorato ogni impegno richiesto dall’attuale dirigenza, talvolta andando anche oltre le proprie quote di partecipazione, la Map Consulting decide di fare un passo indietro e si rende disponibile a cedere al sig. Felleca le proprie quote societarie, riprendendo la trattativa dal punto e alle condizioni a cui recentemente erano giunti i nostri legali”. Una decisione che, spiega la Pintus, arriva “per evitare che il Calcio Foggia possa in un momento così delicato essere danneggiato dal perdurare delle diatribe interne tra soci”.

 

Gladiator: Il Gladiator ha raggiunto l’accordo per la stagione 2020/2021 con i difensori classe 2000, Di Gianfelice Matteo e De Carlo Angelo. Con questi due innesti, la compagine di mister Santonastaso blinda la difesa con due under di qualità ed esperienza, nonostante la giovane età. Di Gianfelice Matteo, difensore centrale, ma all’occorrenza anche terzino, è cresciuto nel settore giovanile dell’Atalanta per poi trasferirsi un anno col Novara. E’ stato prelevato dall’Avezzano, dove nell’ultima stagione è stato anche il capitano, totalizzato con la compagine abruzzese oltre 50 presenze in due anni, realizzando anche tre reti. De Carlo Angelo, cresciuto nel settore giovanile della Sambenedettese e Reggina, arriva dal Corigliano, compagine del girone I di serie D. Alto 1.93, il neo difensore nerazzurro ha collezionato esperienza anche con le casacche dell’Anzio e dell’Isola Capo Rizzuto sempre nelcampionato Interregionale.

 

Lavello: Il Lavello continua ad essere molto attivo sul mercato. La compagine lucana, infatti, ha trovato l’accordo con Francesco Bruno, difensore campano classe 1990, nell’ultima stagione in forza all’Acr Messina. Bruno può vantare oltre 200 gare giocate in carriera tra serie C e serie D.

 

Real Agro Aversa: Due grandi colpi del Real Agro Aversa: torna nella città normanna uno dei calciatori più amati degli ultimi anni, Luigi Del Prete, e con lui la società firma anche Massimo Papa, attaccante che arriva dal Cellole dove ha sorpreso tutti conquistando il podio tra i marcatori più profilici della Promozione. Due ingaggi straordinari del presidente Guglielmo Pellegrino che sta costruendo, insieme al direttore generale Claudio Buono e al direttore sportivo Paolo Filosa, un gruppo che potrà sicuramente regalare grandi gioie a tutti i tifosi normanni. Ovviamente il calciomercato è in fibrillazione e altri colpi super arriveranno nei prossimi giorni. La società sta anche lavorando sul ritiro precampionato che con molta probabilità si terrà allo stadio ‘Bisceglia’ di Aversa per dimostrare anche vicinanza alla città e per far sì che anche i calciatori possano subito sentire il calore dei supporters granata che seguiranno sicuramente gli allenamenti ad Aversa. Tornando al ‘mercato’ tutti gli aversani conoscono Luigi Del Prete, uno che in campo non si ferma mai e che si fa apprezzare sempre per lo straordinario impegno che ‘regala’ a tifosi e allenatore. A 24 anni ha già sulle spalle oltre 100 presenze tra Serie C e Serie D. E’ reduce da un infortunio che lo ha tenuto fermo per qualche mese ma non immaginate la determinazione nel poter rientrare ed essere nuovamente determinante. Ha giocato ad Aversa per ben 5 stagioni collezionando ben 65 presenze, poi è stato a Campobasso, Isernia e quindi ad Ercolano. Ora arriva con grande entusiasmo alla corte di mister De Stefano e sarà una pedina fondamentale nello scacchiere normanno. Massimo Papa invece è un attaccante che si affaccia per la prima volta su un campionato così importante come la Serie D e al di là della stazza (quasi 2 metri) è emozionato come un bambino per questa nuova avventura. E’ un gigante in attacco e lo abbiamo apprezzato anche in Promozione nell’ultima stagione contro proprio il Real Agro Aversa. Il presidente Pellegrino aveva messo gli occhi su di lui già per il mercato di riparazione e arriva quindi nella città normanna con qualche mese di ‘ritardo’. Per lui parlano i gol, ben 15 la scorsa stagione col Cellole. Un giocatore che ha tutta la voglia, nonostante i 26 anni, di dire che in Serie D può starci alla grande magari segnando gol decisivi.

 

Real Agro Aversa: Dopo Massimo, attaccante ex Cellole, arriva un altro Papa alla corte di Antonio De Stefano, tecnico del Real Agro Aversa. Si tratta di Raffaele, estremo difensore classe 2002 reduce dall’esperienza di Cervinara in Eccellenza dopo un inizio alla Polisportiva Santa Maria. Un colpo in prospettiva, dunque, per il club granata: Papa, l’estate scorsa in orbita Juve Stabia (si era allenato anche col gruppo di Caserta), era stato qualche settimana fa molto vicino al Sorrento e anche alcuni club di D (non campani) avevano fatto un pensierino su di lui. Poi il blitz del Ds Paolo Filosa per il numero uno di Santa Maria a Vico, scuola Benevento. E poche ore fa la firma.

 

Sorrento: La dirigenza del Sorrento è lieta di comunicare la riconferma in rossonero dell’esterno mancino Roberto Masullo e del centrocampista Giuseppe La Monica. Entrambi protagonisti di un’ottima annata nella passata stagione, ricca di assist gol e soddisfazioni, ora son pronti a ricominciare con ulteriore determinazione alle dipendenze di mister Fusco.

 

Team Altamura: Da sorpresa a grande riconferma gli sono bastati dodici mesi. Nicolò Scarimbolo vestirà ancora la casacca del Team Altamura. Altamurano di nascita, ci metterà il cuore per portare avanti i colori della nostra città. Scarimbolo ha dimostrato già l’anno scorso la sua grinta e le sue qualità e l’Altamura lo ha notato e lo abbiamo voluto anche per la prossima stagione.

 

Team Altamura:  Il Team Altamura ha annunciato un nuovo acquisto con la seguente nota stampa: Dopo i nuovi arrivi e le riconferme dei giorni scorsi, molti ci chiedevano un portiere. Ve lo presentiamo, Giacinto Zinfollino classe 2000, giovane portiere di talento. Parte dalle giovanili del Bari la sua carriera, ha già alle spalle 2 campionati nel nostro girone con la Fidelis Andria e il Bitonto nella stagione scorsa con cui ha vinto il campionato di Serie D.

 

Team Altamura: Volto nuovo in casa Team Altamura: si tratta di Emmanuele Tedesco, attaccante centrale e grande realizzatore.
Nonostante la sua giovane età (classe ’98) ha già molta esperienza e un campionato vinto. Dalla Primavera del Carpi, dove ha avuto modo di assaporare la Serie A, è passato al Picerno, poi a Mezzolara e ancora al Picerno nell’anno della promozione in Lega Pro giocata da protagonista con 12 gol. Lo scorso anno si è diviso tra Bastia e Fidelis Andria. Grande senso del gol e grandissimo professionista.

 

SERIE D GIRONE I

 

ACR Messina: La redazione di Messina nel Pallone in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra siciliana. L’innesto del difensore Luigi Manzo ha ufficialmente aperto la stagione sportiva dell’Acr Messina che, dopo il primo ingaggio, ha in cantiere nuovi colpi mercato. Non è un caso che il primo arrivo sia relativo a un atleta campano, in particolar modo di Nocera Inferiore, comune in provincia di quella Salerno che rappresenta il centro nevralgico della nuova attività societaria del club biancoscudato, con i soci Bove e Del Regno hanno preso in mano l’aspetto sportivo dell’Acr. Sono tantissimi i nomi sul taccuino dei biancoscudati. E non potrebbe essere altrimenti. Per la difesa è forte la candidatura di Francesco Fontana, centrale classe 1990 reduce da due stagioni vissute con il Picerno, la seconda delle quali in Serie C dopo la vittoria del massimo campionato dilettantistico nel 18/19. In precedenza, per lui, un biennio vissuto con l’Igea Virtus di Peppe Raffaele (oltre 60 presenze) ed esperienze con Mazara, Ragusa e Modica. Il ritorno a Caserta di Michele Avella, invece, ha aperto una falla difficile da riempire. Per la sua sostituzione si pensa a Salvatore Prudente, 2001 che ha vissuto le ultime due stagioni da dodicesimo con le maglie di Crema e Savoia. Per quel che concerne l’attacco, piste aperte con Mauro Bollino e Ameth Fall. Bollino, classe ’94, è reduce da un paio di stagioni in chiaroscuro dopo le ottime cose fatte vedere con la Sicula Leonzio nel 17/18 chiuso con 10 gol tra i professionisti. Fall, avversario del Messina quando vestiva le maglie di Barletta e Ischia, ha vissuto le ultime due annate a Lecco. Sull’attaccante senegalese, che compirà trent’anni il prossimo aprile, è forte anche l’interesse del Cesena. Chiusa, intanto, la questione relativa all’iscrizione con l’invio della liberatoria da parte del centrocampista Dejan Danza, finito al centro di uno screzio personale con il presidente Sciotto, l’Acr Messina è al lavoro per allestire la macchina organizzativa. Dopo l’insediamento dello staff comunicazione con i ritorni del collega Paolo Crisafi e di Radio Night, già al lavoro in anonimo da una decina di giorni, si va alla ricerca del segretario generale. In rialzo le quotazioni di Alessandro Raffa, messinese di Villafranca Tirrena che ha già lavorato in città negli anni di Lo Monaco e Stracuzzi e reduce da un paio di stagioni vissute con la Sicula Leonzio. Parentesi chiusa proprio ieri con l’amara mancata iscrizione dei bianconeri in Serie C. Sul fronte ritiro, il nuovo gruppo biancoscudato dovrebbe radunarsi dopo Ferragosto nel salernitano: la scelta è ricaduta su Polla, comune di poco più di 5000 anime a un settantina di chilometri dal capoluogo.

 

Biancavilla: Palermitano, classe ’01, mezzala: Bruno Toscano è un nuovo calciatore del Calcio Biancavilla. Toscano dal 2015 al 2017 ha indossato la casacca della Libertas Capaci, passando dai giovanissimi provinciali all’Under 16. Nel 2017 firma con il Città di Carini con cui disputa sia il campionato Allievi provinciali che, successivamentente, quello di Prima categoria. Il salto di qualità arriva in seguito: ad Agropoli, in Eccellenza, inizia a vivere a pieno il calcio dei grandi. Nella scorsa stagione si è messo in mostra a Troina in Serie D, per poi giungere adesso, a Biancavilla.

 

Biancavilla:  Ennesimo colpo da novanta per il Biancavilla, che comunica di aver raggiunto l’accordo con il difensore palermitano Fabrizio Ferrante! Classe ’95, nonostante la giovane età vanta più di 120 presenze in Serie D, campionato che conosce a fondo e che ha avuto modo di vivere a pieno. Dopo essersi forgiato nel settore giovanile del Palermo, squadra della sua città, nel gennaio 2014 arriva la chiamata dell’Akragas, con cui inizia il suo percorso nella massima serie dilettantistica nazionale. Successivamente si trasferisce a Brolo con la quale scenderà in campo ben 26 volte, prima di chiudere le valigie e partire in direzione Venezia. Nel cuore della laguna, saranno 21 le apparizioni ufficiali collezionate da Ferrante. Nel 2017 si accasa all’Igea Virtus disputando un campionato da protagonista e riuscendo anche a vincere i play off di categoria. Nelle ultime stagioni si è districato tra Altamura, Acr Messina e Castrovillari, riuscendo sempre a lasciare il segno. Adesso comincia una nuova avventura sicula, e Fabrizio è pronto a dimostrare tutto il suo valore.

 

Licata: Il Licata sta pensando a completare il reparto difensivo con l’innesto di Davide Monteleone, classe ‘95 con esperienze in Serie B alla Ternana ed in Serie C con il Padova e la Sicula Leonzio. Per il difensore scuola Palermo, che nell’ultima stagione ha totalizzato 22 presenze con la maglia del Marsala, si registra un forte interesse anche da parte del Biancavilla ma pare che i gialloblù di Davide Boncore siano in netto vantaggio.

 

Nola: Non c’è due senza tre: per il terzo anno di fila Bruno Capasso vestirà la maglia del Nola 1925. Una divisa storica e pesante che ha saputo negli scorsi anni vestire con talento e abnegazione, riscuotendo tantissimi attestati di stima. Capasso, classe 2000 ed ex giovanili della Salernitana, difenderà la porta del Nola anche nella stagione 20-21, diventando così uno dei primi riconfermati della scorsa stagione.

 

Nola: È giornata di riconferme in casa Nola: restano in bianconero Emanuele Serrano e i fratelli Andrea e Simone Sannia. Emanuele Serrano, classe 2000, è un’ala destra cresciuta nelle giovanili di Napoli e Puteolana, l’anno scorso ha ben figurato trovando anche la prima rete con il Nola. Andrea Sannia è un duttile centrocampista classe ’97 che l’anno scorso è stato utilizzato diverse volte anche in difesa, mostrando attaccamento alla casacca e incondizionato impegno. Simone Sannia, classe 2001 ex Sarnese e giovanili dell’Avellino, è un gigante difensivo con eccellenti doti fisiche, non a caso l’anno scorso è stato schierato anche come ariete d’attacco in diversi finali di partita.

 

Nola: Il Nola potrà contare su un nuovo terzino sinistro: è fatta per l’arrivo in bianconero di Mario Elefante, classe 1998. Elefante può contare circa 60 presenze in serie D con le maglie di Gragnano e Campobasso. Ad ore è atteso l’annuncio ufficiale.

 

Rende: La redazione del gazzetta del sud  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra calabrese Un occhio indiscreto sulle iscrizioni al prossimo campionato di serie C. Nel frattempo però Fabio Coscarella inizia a scaldare i motori per rompere lo stallo che si è innescato successivamente ai playout persi con­tro il Picerno. Il primo colpo del Rende dovrebbe essere Alessandro Miceli. Il trentaquattrenne difensore, per tre stagioni in biancorosso tra il 2011 e il 2014, è un pupillo del presidente rendese. Il cal­ciatore di Amantea ha già firmato con lo Scalea ma è pronto a risolvere il suo contratto per accettare questa nuova chiamata della società d’oltre Campa- gnano. Il suo trasferimento dovrebbe andare in porto nel week end quando rientrerà il patron dello Scalea. Il Ren­de vorrebbe trattenere poi il centro­campista Michele Collocolo (classe ‘99) mentre piace molto il giovane Gianluigi Sueva (2001). L’attaccante, dopo l’ottima stagione in Primavera 2 con la maglia del Cosenza, vuole sboc­ciare nel calcio dei grandi. I biancoros­si sono disposti ad accoglierlo in pre­stito. Si segue anche l’esperto, ex Potenza e Corigliano, Antonio Isgrò.

Rende: La redazione del gazzetta del sud e il giornalista Antonello Lupis  in un articolo, che pedissequamente riportiamo, ha effettuato una disamina del calciomercato della squadra calabrese. Team pronto a partire e particolarmente attivo sul mercato. Dopo aver regolarizzato, entro i termini stabiliti dalla Lega, l’iscrizione e la propria posizione contabile e amministrativa, il Roccella del neo presidente Romeo Bruno è ormai pronto a tuffarsi per il settimo anno consecutivo nel prossimo campionato di serie D. Domani pomeriggio, infatti, il riconfermato allenatore Francesco Galati inizierà al “Muscolo” la prima fase della preparazione. In attesa dell’arrivo di altri giocatori, tra “fuoriquota” e over, domani, secondo gli appunti del riconfermato direttore sportivo, Cecco Curtale, cominceranno a sudare, eliminando così le tossine raccolte in circa 5 mesi di stop, una dozzina circa di atleti: i centrocampisti Cappellini, Pietanesi, Sangarè, Riitano e Arkapan, i portieri Aldo Commisso, Marone e Cuomo, i difensori Coluccio, Proto, Bilotta e Intravaia e il possente attaccante di colore, ex Siderno, Mendy. Molto probabile, in queste ultime ore, l’arrivo nel gruppo del giovane e promettente esterno alto, classe 2002, Seby Lupo, di Marina di Gioiosa, già giocatore, l’anno scorso, della Juniores e con all’attivo anche tre convocazioni in prima squadra. Ma non è tutto. Il Roccella, infatti, è in trattativa per cercare di far giungere in riva allo Jonio Ameth Fall, centravanti senegalese classe ’91. Cresciuto calcisticamente nel Cesena, Fall ha all’attivo più di 240 presenze tra Lega Pro e serie D. Dopo aver indossato le maglie di Bellaria Igea, Rimini, Barletta, Fidelis Andria, Como, Caronnese e Sanremese, nella stagione 2018-19 è ritornato a Lecco dove è stato tra gli artefici della promozione della squadra lombarda in serie C. Rimasto svincolato dopo la parentesi col Lecco in C, il Roccella ha ora deciso di inserirsi nella trattativa, puntando forte su un bomber che fa molta gola a diversi club di quarta serie e Lega Pro. Le attenzioni, comunque, di Galati e Curtale, sono pure rivolte su un difensore centrale, ex Lanciano e Agnonese, su 2 giovani (un difensore e un centrocampista) del Crotone, un giovane difensore centrale della Reggina, un esterno d’attacco, ex Giugliano e su un giovane tedesco che l’anno scorso giocava nella terza serie inglese.

 

 

Si ringrazia Giuseppe D’Avino per la meravigliosa immagine che ha disegnato per questa rubrica

 

 

[themoneytizer id=”51153-1″]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *