post

Le cronache delle partite della prima giornata di campionato

Continue emozioni tra Arzachena e Latte Dolce finisce 2-2

 

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di Centotrentuno.

Padroni di casa subito pericolosi al 7′ con Celin che ci prova con un colpo di testa che termina di poco a lato sugli sviluppi di calcio piazzato. il gol degli smeraldini arriva al 17′ quando una bella punizione dell’ex Molino non lascia scampo a Urbietis.  Poco dopo momenti di paura al Pirina, Arzu dopo un contrasto di gioco viene portato via in barella e trasportato in ospedale per ulteriori accertamenti. Al 30′ i biancocelesti reagiscono e trovano il pari con l’assist di Marcangeli e gol di testa di Roberti. La squadra di Udassi spinge ancora e il tiro di Scotto viene respinto dall’estremo difensore Ruzittu in chiusura di primo tempo. Nella ripresa subito lattedolcini avanti con il rigore segnato da Scotto dopo un fallo su Nurra, ma è sempre Molino ad ispirare il gol del pareggio al 60′: punizione del fantasista, respinge Urbietis e sulla ribattuta Congiu pareggia i conti. Scotto ha una buona opportunità al 74′, ma non colpisce bene sull’assist di Bianchi poi seguito da un tiro di Roberti che termina di poco fuori. Sono le ultime vere occasioni del match terminato 2-2.

 

 

 

Arzachena: 1 Ruzittu, 3 Paolini (6′ s.t. Bellotti), 4 Bonacquisti, 8 Olivera, 9 Padovani Celin, 10 Molino (25′ s.t. Kassama), 11 Loi (6′ s.t. Congiu), 17 Rossi (32′ s.t. Ciccarelli), 19 Bachini, 21 Manca, 23 Marinari. A disp: 12 Murtas, 22 Al-Tumi, 2 Urbanski, 7 Congiu, 13 Lenzi, 16 Lolli, 18 Kassama, 20 Bellotti, 25 Ciccarelli. All. Cerbone

Latte Dolce: 1 Urbietis, 2 Pireddu, 3 Patacchiola, 4 Arzu (18′ p.t. Tuccio), 5 Bianchi, 6 Antonelli, 7 Marcangeli (16′ s.t. Kone), 8 Pisanu, 9 Scotto, 10 Nurra, 11 Roberti (38′ s.t. Scognamillo). A disp: 12 Garau, 13 Ubertazzi, 14 Tuccio, 15 Gianni, 16 Gadau, 17 Piredda, 18 Kone, 19 Scognamillo, 20 Grassi. All. Udassi

Marcatori: 19′ p.t. Molino (A), 31′ p.t. Roberti (L), 2′ s.t. Scotto (L), 14′ s.t. Congiu (A)

Ammoniti: Paolini (A), Patacchiola (L), Pisanu (L), Manca (A)

 

 

 

Il Carbonia vince il derby della prima giornata di campionato contro  la Torres 2-0

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di La Provincia del Sulcis Iglesiente.

 

Buona la prima! Il Carbonia ha iniziato alla grande, con una splendida vittoria nel derby con la Torres, come forse pochi avrebbero osato anche solo sognare, la sua nuova esperienza nella platea nel calcio nazionale, nel girone G del campionato di serie D. Una vittoria netta, sia nel punteggio, 2 a 0, sia nello svolgimento della partita, impreziosita dal fatto che la squadra di Marco Mariotti è stata costretta a giocare l’intero secondo tempo con un uomo in meno, per l’espulsione rimediata da Marco Piredda nelle ultime battute del primo tempo, per doppia ammonizione.

In uno stadio quasi deserto, per le disposizioni di contrasto e prevenzione della diffusione del Coronavirus che hanno costretto a tenere chiusi i cancelli, il Carbonia ha affrontato la Torres con una formazione priva di tre pedine fondamentali dell’organico a disposizione di Marco Mariotti: Roberto Cappai, Jospeh Tetteh ed il neo acquisto Soumaré, il cui tesseramento sarò perfezionato nei prossimi giorni. Due assente importanti anche nelle file della Torres, gli attaccanti Stefano Sarritzu e Mauricio Sanna.

Prima del fischio d’avvio dell’arbitro Erminio Cerbasi di Arezzo, è stato osservato un minuto di raccoglimento per onorare il giovane arbitro Daniele De Santis, assassinato qualche giorno fa con la compagna Eleonora Manta.

L’avvio del Carbonia è stato prudente, la Torres ha assunto il controllo del gioco a centrocampo, senza riuscire a creare problemi all’attenta difesa biancoblù. Intorno alla metà del tempo il Carbonia ha avanzato il baricentro del suo gioco ed al 26′ ha sbloccato il risultato con il giovane centravanti Ador Gjuci, pronto a ribattere imparabilmente in rete il pallone, al termine di un’insistita azione d’attacco

La Torres ha accusato il colpo ed ha tardato a reagire, il Carbonia non ha allentato la pressione, ha sfiorato ancora il goal in un paio di occasioni e al 39′ ha raddoppiato. Calcio di punizione a ridosso della linea laterale sinistra, a circa 40 metri dalla porta, Marco Piredda ha calciato un pallone insidioso, non è intervenuto nessuno ed il giovane portiere sassarese Giacomo Drago è rimasto beffato all’angolo basso alla sua sinistra: 2 a 0!

Di lì a poco, ad un minuto dall’intervallo, il Carbonia è rimasto in inferiorità numerica per l’espulsione di Marco Piredda, il metronomo del centrocampo, appena andato in goal, per doppia ammonizione. Una mazzata tremenda, al pensiero di dover giocare tutto il secondo in dieci uomini a difesa del doppio vantaggio, con il vento contrario!

Marco Mariotti ha catechizzato a dovere i suoi ragazzi, facendosi sentire continuamente dalla panchina ed il secondo tempo è stato gestito impeccabilmente. Inevitabilmente la squadra biancoblù ha arretrato il raggio d’azione ma la difesa è stata praticamente perfetta, non concedendo alla Torres, generosamente ma confusamente in continua proiezione offensiva, una sola palla goal! E nel finale, dopo una girandola di cambi, il Carbonia si è riaffacciato un paio di volte nell’area avversaria, reclamando anche un calcio di rigore per un abbraccio in area ai danni di Ador Gjuci.

Al fischio finale, dopo 5′ di recupero, è esplosa la gioia tra le poche persone presunti in tribuna e, soprattutto, sul terreno di gioco.

Iniziare il campionato con una vittoria pesante contro una delle potenziali grandi del girone vale tanto, forse anche più degli stessi 3 punti. E domenica è in programma la prima trasferta, a Lanusei, contro una squadra battuta oggi all’esordio dal Muravera, 3 a 2. Non ci sarà Marco Piredda ma Marco Mariotti avrà sicuramente a disposizione il neo acquisto Soumarè e andranno valutate in settimana le condizioni di Roberto Cappai e Joseph Tetteh.

Il terzo derby tra squadre sarde della prima giornata, Arzachena-Latte Dolce Sassari, è finito in parità, 2 a 2.

Carbonia – Torres 2 a 0 (p.t. 2 a 0)

Carbonia: Carboni, Russu, Mastino (dal 10′ s.t. Isaia), Fredrich (dal 40′ s.t. Berman), Serra, Cestaro, Bagaglini, Cannas (dal 10′ s.t. Salvaterra), Gjuci (dal 40′ s.t. Odianose), Piredda, Stivaletta (dal 5′ s.t. Palombi). A disposizione: Bigotti, Mura, Pischedda, Muscas. All. Marco Mariotti.

Torres: Drago, Bilea, Ruiu, Russo, Congiu, Lazazzera, Mascia (33′ s.t. Giovagnini), Torelli (dal 10′ s.t. Pinna S.), De Iulis, Ladu, Ruzzittu. A disposizione: Carta, Rutjens, Pinna R., Moro, Fadda, Mastromarino e Bianco. All. Aldo Gardini.

Arbitro: Erminio Cerbasi di Arezzo (assistenti di linea Niroy Gookooluk di Civitavecchia e Mirko Librale di Roma 2).

Marcatori: 26′ Gjuci, 39′ Piredda.

Espulso al 44′ Piredda (C) per doppia ammonizione. Ammoniti Carboni (C), Serra (C), Russo (T).

 

 

 

Il Latina riesce a vincere la prima partita di campionato. Battuto2-1 il Gladiator

 

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di Latina Quotidiano.it

Il Latina Calcio incassa la prima vittoria in campo nel Girone G di Serie D allo stadio Francioni. Nessuno sugli spalti ad assistere all’esordio della squadra di mister Scudieri che ha affrontato il Gladiator.

Non è stata una partita facile per il Latina che sbaglia al 14esimo il primo rigore. Un errore che anzichè piegare l’umore dei giocatori li ha motivati in cerca di riscatto che arriva al 19esimo con un gol che il portiere avversario non riesce a fermare.

Il ritmo incalza e sotto un cielo di nuvole che nulla promette di buono al 25esimo il Latina si porta in vantaggio dopo un’azione a tre con Corsetti che non manca la porta dal centro area.

Si chiude sulla lunghezza del 2 a 0 il primo tempo per il Latina.

Il secondo tempo si apre con i ragazzi del Gladiator che cercano il riscatto in campo. Diverse le azioni messe in atto ma è solo al 36esimo che grazie a Del Sorbo si segna il primo punto partita per gli ospiti.

Il Latina tiene, e il Galdiator sul finale si vede annullato un gol con il sipario che cala su un Francioni desolato ma vincente.

Le squadre in campo:

Latina Calcio 1932: Alonzi, Giorgini, Esposito, Allegra; Teraschi, Sevierini, Barberini, Pompei; Tortolano, Di Renzo, Corsetti. A disposizione: Gallo, Franchini, Garufi, Di Bartolomeo, Di Emma, Calagna, Alessandro, Bardini, Atiagli. Allenatore: Scudieri

Gladiator: Fusco, Di Finizio, Suppa, Vitiello, Maraucci, Di Gianfelici, Strianese, Di Pietro, Del Sorbo, Tiripicchio, Marzano. A disposizione: Maione, De Carlo, Arrivoli, Landolfo, Coppola, Falco, Ferraro, Barbetta, D’Errico. Allenatore: SAntonastaso

Arbitro: Tagliente

 

 

 

Il Savoia stecca la prima di campionato perde 2-1 a Monterosi

 

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di Solo Savoia.it

 

Il Savoia stecca l’esordio in campionato. E’ disco rosso a Monterosi contro i padroni di casa che vincono 2 a 1 in rimonta dopo il gol iniziale, su rigore, di Kyeremateng che aveva fatto ben sperare. Poi il pari immediato e la debacle nella ripresa con una squadra che non è riuscita ad imporsi lasciando spazio al nervosismo (tanti ammoniti e le espulsioni di Scalzone e D’Ancora) ed a tanti errori in fasi di impostazione e coperturaUn Savoia da lavori in corso che molto probabilmente correrà ai ripari in settimana per assicurare un portiere titolareCannizzaro si è dimostrato non pronto, ed un attaccante se dovesse capitare il profilo giusto. Domenica c’è la Nocerina e la piazza si aspetta un immediato riscatto contro i rivali rossoneri.

BOTTA E RISPOSTA – Dopo soli 4’ minuti il Savoia ha subito l’occasione per passare. Berardi frana su Kyeremateng, per il direttore di gara è calcio di rigore. Si incarica della trasformazione lo stesso numero 99 che trafigge Salvato per il vantaggio ospite (5’). Il Monterosi riequilibra subito la gara. Errato passaggio difensivo di De Rosa, Caiazzo è preso controtempo, ne approfitta cancellieri che si incunea tra le maglie bianche e fa partire un preciso tiro che si insacca imparabilmente alle spalle di Cannizzaro (10’). La restante parte della frazione vive di pochissime emozioni.

EUROGOL ANNULLATO – 50’ Manzo recupera palla e serve De Rosa, lancio millimetrico per Kyeremateng, tacco per Russo che tenta il gran gol, palla fuori ma bella azione del Savoia. Al 65’ il gesto tecnico più bello della gara reso vano dallo sbandieramento del guardalinee. Orlando in piena area, con una sforbiciata acrobatica, insacca. Gioia incontenibile ma la marcatura viene annullata per fuorigioco.

IL MONTEROSI PASSA – I padroni di casa completano la rimonta al 72’. Da azione d’angolo Cannizzaro smanaccia sul palo un primo tiro verso la porta, la palla torna in campo e Lucatti mette dentro la sfera per il 2 a 1, sarà il gol partita.

SAVOIA IN NOVE – Il vantaggio dei viterbesi porta Aronica ad effettuare alcuni cambi. Entrano Scalzone e Fornito ma è il Monterosi che al 77’ sfiora con Sowe la terza marcatura. All’83’ Kyeremateng ci prova in velocità, Salvato respinge. Capovolgimento di fronte, Cannizzaro per poco non la combina grossa lasciandosi sfuggire un pallone facile a pochi metri dalla porta. 4’ dopo Scalzone si becca il rosso diretto per un calcio in gioco pericoloso. Lo seguirà allo scadere D’Ancora che per proteste viene ammonito per la seconda volta. Ultima emozione al 93’ con Kyeremateng che manda a lato un perfetto cross di Badje.

 

 

 

Buona la Prima per il Formia vince contro il Cassino 1-0

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di TeleGolfo.com

Formia Bagnato ma vincente, basta il goal di Gomez al 43 del primo tempo per conquistare i primi 3 punti in classifica per l’Insieme Formia nel derby con il Cassino, la gara del Parisio è una partita tutta sulla mediana con le squadre che si fronteggiano in maniera tatticamente ordinata con i formiani che per nulla pagano dazio all’esordio in categoria.La squadra di Amato è ordinata e subisce botta con il cassino molto più tonico nella prima mezzora e vicino al vantaggio, i formiani invece si affidano alla fantasia di Zonfrilli autore di una gara maiuscola senza però trovare il sussulto della rete, tutto si ribalta al 43’ quando Gomez su lancio di Iorio saluta Carcione e si presenta freddo dinanzi a Del Giudice senza lasciargli scampo.

Nella ripresa si attende la reazione del cassino ma il più vicino al goal è la squadra del presidente Anelli con Romano che impegna il portiere ospite che si rifugia oltre la traversa.

Vittoria e primi tre punti in cassaforte a passo di Tango per il Formia che è sembrata squadra di categoria e con tanta fame.

 

 

 

La Vis Artena e Ingretolli abbattono il Nola: 2-0

 

La cronaca della partita è riportata pedissequamente da un articolo dei colleghi di TeleGolfo.com

La sintesi: La Vis Artena abbatte il Nola. La prima partita della terza stagione in Serie D, la prima in casa (al Comunale di Artena), si apre con un secco 2 a 0 a favore della compagine rossoverde di patron Di Cori.

La formazione di mister Perrotti parte forte, soprattutto sugli esterni con Pompei da una parte e Sabatini dall’altra. Manni è bravo a farsi trovare pronto, intorno al 20′, su La Monica. Poco dopo è Sabatini ad avere un’occasione importante: il difensore campano chiude in angolo. Dal corner di Vassallo la testa di Paolacci trova le braccia di Capasso. Al 33′ occasione Vassallo: il suo colpo di testa termina largo. Al 39′ Sabatini riceve da Falasca, che dal limite dell’area si gira e conclude a giro: la palla termina di poco fuori alla sinistra del portiere. Al 42′ occasione per Ingretolli: Pompei crossa teso in area, il numero 9 manca il bersaglio.

Ripresa. Ponti e via Ingretolli riceve da Pompei e di testa fa 1 a 0. Al 12′ Manni respinge in angolo un calcio di punizione di Acampora. Al 22′ Carbone prima impegna Capasso, poi è bravo ad anticipare l’estremo difensore che lo stende: calcio di rigore. Dal dischetto Ingretolli non sbaglia. Al 30′ Manni è bravo a bloccare a tu per tu La Monica. Al 45′ Ingretolli ha la palla per il 3 a 0 ma spedisce la palla alta sulla traversa.

Il tabellino

Vis Artena (3-5-2): Manni, Cataldi, Pompei, Carbone, Negro, Paolacci, Sabatini, Falasca, Ingretolli (45′ st Rossi), Vassallo (45′ st Donnini), Cericola. A disposizione: Isidori, Contucci, Varano, Bayslach, Cucciari, Massa, Cerabra.
Allenatore: Perrotti.

Nola (3-4-2-1): Capasso, Granata (30′ pt Ioio), Chiavazzo, Sannia A. (40′ Caliendo), Raimondi, Sagliano (27′ Corbisiero), Luise, Acampora, La Monica, Massaro (27′ Cozzolino), Serrano (16′ st Carrafiello). A disposizione: Torino, Sannia S., Sor rentino, Cirillo.
Allenatore: Pezzella.

Arbitro: Stefano Peletti sezione di Crema; Assistenti: Piero Cumbo sezione di Agrigento, Francesco Bentivegna sezione di Agrigento.

Marcatori: 1′ st e 23′ st Ingretolli.

Ammoniti: Manni, Paolacci (V); Acampora(N).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

721950cookie-checkLe cronache delle partite della prima giornata di campionato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *