post

EDITORIALE: il prodigio che non ti aspetti: Panos Katseris vola e fa volare la Nocerina

Il prodigio che non ti aspetti: Panos Katseris vola e fa volare la Nocerina

Che la gara di ieri sia stata ben preparata da mister Cavallaro è sotto gli occhi di tutti, gioco corale, aggressività e cinismo hanno annichilito anche le resistenze sarde dell’Arzachena, arrivata al Novi di Angri con la speranza di interrompere il filotto di ben tre risultati utili conquistati dalla Nocerina tra le mura “amiche”.

Non c’è stata storia, due a zero il risultato finale e marcia imperterrita per la rincorsa al primato.

Eppure ieri non c’è stato un solo migliore in campo, ma tutta la squadra ha sciorinato una prestazione degna della maglia che indossa, probabilmente la migliore Nocerina stagionale ha sugellato l’oneroso ed orgoglioso compito di dettar legge quando si gioca in casa.

Se De Iulis l’ha sbloccata (attaccante di categoria da trattenere obbligatoriamente) e Dammacco l’ha archiviata col secondo ed ultimo gol del match (grande prestazione anche la sua), ciò che non fa più notizia, e che è diventata quasi una costante, è la freccia ellenica di Panos Katseris.

Il 19enne anche ieri è stato tra i migliori in campo, offrendo supporto in tutte le fasi di gioco, che sia difensiva od offensiva non faceva la differenza perché il greco era sempre presente e costantemente una spina nel fianco della retroguardia biancoverde. Chiedere al povero Bachini quanta sofferenza c’è voluta per tenere (senza mai riuscirci) a bada l’indemoniato Panos.

Il merito indubbiamente è da dividersi tra il direttore sportivo Bolzan, abile a scovarlo e ad ingaggiarlo, e l’ex fuoriclasse, ora allenatore, Giovanni Cavallaro ancor più abile ad intuire e performare le qualità del greco che della corsa e del sacrificio tattico ne fa delle sue caratteristiche principali.

Non è più una novità scoprire Panos tra i migliori in campo perché il ruolo cucitogli su misura dal mister gli calza a pennello e, detto in estrema franchezza, oramai nell’undici titolare sarebbe un delitto non ritrovare la freccia greca.

Siamo a poche giornate dal giro di boa, i tifosi oltre i big della rosa volevano scoprire nuove certezze…una di queste parla greco e si chiama PANOS KATSERIS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *