post

Conosciamo il prossimo avversario: il Gladiator

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Gladiator 1924, meglio nota come Gladiator, è una società calcistica italiana con sede nella città di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Fondata nel 1924, la società deve il proprio nome alla Scuola dei Gladiatori che in epoca romana aveva sede nell’Anfiteatro campano dell’antica Capua.

Nell’estate del 2014 avvenne, in concomitanza con il cambio di sede da San Felice a Cancello a Maddaloni, il cambio di denominazione ufficiale in Associazione Sportiva Dilettantistica Gladiator 1924. Nelle stagioni 2014-2015 e 2015-2016 il Gladiator partecipa al campionato di Eccellenza, nel girone A. Solo nell’estate del 2016 arriva finalmente una buona notizia per la piazza: grazie all’accordo tra il dottor Giacomo De Felice e la famiglia D’Anna di Marcianise, a Santa Maria Capua Vetere ritorna la serie D. L’avventura nel campionato di Serie D, dura una stagione, con il club sammaritano che conclude il girone di andata a soli cinque punti dal primo posto e, nel girone di ritorno, con alcuni innesti mirati conclude la stagione al nono posto, ottenendo una tranquilla salvezza ma, in estate il club non riesce ad iscriversi al torneo di Serie D, ripartendo dal campionato di Promozione. Nella stagione 2018/2019 partecipa al campionato di Eccellenza girone A, con i presidenti De Felice – Aveta, classificandosi al quarto posto. Contro ogni pronostico vince i play off regionali, battendo in esterna sia l’Afragolese che la Frattese. Nella semifinale nazionale dei play off la sfortuna vuole che sia il Canicattì a passare in finale. I nerazzurri, preparano le carte per il ripescaggio in D che diventa ufficiale in data 31/07/2019

I colori sociali sono il nero e l’azzurro. L’impianto che ospita le partite casalinghe della squadra è lo stadio Mario Piccirillo, che dispone di 2 000 posti.

Il mister dei sammaritani è Martino che predilige il 3-5-2 ma si adatta ai giocatori che ha a disposizione. In passato ha schierato spesso anche la difesa a 4, col 4-3-3, quando serviva all’occorrenza Allenatore carismatico e di carattere, Martino ama lavorare con i giovani e di sicuro saprà far rendere al meglio la rosa piena zeppa di ragazzi, attorniata dagli esperti, del team neroazzurro. Pressing alto e possesso palla efficace le armi migliori di un tecnico emergente che vuole vivere di calcio. Vista la sua gavetta dalla Prima Categoria alla Serie D, la sua storia potrebbe assomigliare alla prima parte della carriera di Maurizio Sarri, partito dallo Stia in Seconda Categoria nel 1990-1991 per poi giungere trent’anni dopo alla conquista dello Scudetto con la Juventus e dell’Europa League. 

Il Gladiator si dovrebbe schierare con il consueto 3-5-2 nella seguente formazione rimaneggiata in quanto mancheranno due calciatori fondamentali come Cassaro e il capitano Vitiello:

All Martino (3-5-2) Fusco Sall De Carlo Maraucci ; Ciampi Caruso Marzano Di Finizio Arrivoli Strianese Coppola