post

CAVALLARO: “Bello riabbracciare i nostri tifosi. Vincere così motivo di soddisfazione. Negli ultimi mesi ci dispiace per i troppi infortuni”



Le parole di Giovanni Cavallaro dopo il 4-0 della Nocerina contro il Latina in conferenza stampa 

Torna la vittoria e tornano i tifosi al campo

“Bello riabbracciare i nostri tifosi, ne avevamo bisogno e sappiamo quanto sono importanti. Vittoria importante perché ti permette di essere dentro ai playoff e importante perché abbiamo vinto contro una squadra forte, allenata bene da un mister importante e con una società importante che primeggiano e programmano da tanti anni. Confrontarti con un avversario di questo livello, vincendo nettamente e con un livello alto è motivo di soddisfazione. E’ chiaro che ci manca uno step per completare una cosa bella che abbiamo costruito dall’inizio”. 

Oggi i molossi cinici

“E’ chiaro che ogni partita è una storia a se, oggi era di livello contro una squadra forte ed allenata benissimo che gioca un bel calcio e ti alza automaticamente l’attenzione e la consapevolezza di far bene. Per noi era fondamentale e da ultima spiaggia perché se non avessimo fatto risultato saremmo stati fuori, l’abbiamo affrontato con piglio e atteggiamento giusto, quello che c’è mancato domenica scorsa, perché ad Afragola non abbiamo fatto male però vai a giocare in un campo stretto con una squadra che fa un lavoro sporco, non ti fa giocare bene, tutti e dietro la palla, spazia ristretti e qualche giocatore non stava bene. Invece contro una squadra di qualità che se la gioca, ti permette di esprimerti però è chiaro che ti espone dei rischi. Rischi pochi perché siamo stati attenti contro una delle squadre più forti in attacco. Seppur attaccando con 4-5 uomini, siamo stati attenti cercando di giocare palla. Grande lavoro tattico che di testa soprattutto”. 

Sulla scelta di Esposito

Esposito è un jolly: ha caratteristiche mentali ed intelligentissimo, gestione palla e intensità nonostante sia piccolino e si adatti in tutti ruoli. Aspettavamo la formazione del Latina perché Sarritzu e Corsetti sono forti nell’uno contro uno ed abbiamo cambiato alla fine mettendo Esposito mezzala e Vecchione che è un calciatore intelligente e tattico; mentre nell’altro lato, anche se è un giocatore offensivo, Katseris che è bravo anche in difesa Volevamo ripartire con la qualità di Vecchione da una parte e con la gamba dall’altra con Katseris, gli avevo chiesto a lui 50 minuti perché non era in condizioni, fortunatamente abbiamo concretizzato, anche se avevamo avuto già diverse occasioni nel primo tempo, mentre il Latina forse una sola importante. Questa vittoria ci dà la giusta motivazione di andare avanti”. 

Sui playoff da conquistare

“Ci tocca fare punti per stare dentro, troveremo una squadra  (la Vis Artena n.d.r) che nell’ultimo mese e mezzo ha fatto tante sconfitte ma è chiaro che non ci metterà il tappeto rosso e ci farà entrare dalla porta principale. Intanto ci teniamo stretto questo risultato che ci dà fiducia. Negli ultimi due mesi e mezzo abbiamo sofferto le tante assenze e non riuscivamo a esprimerci come volevamo, quando recuperi qualche calciatore ti permette di avere i cambi e di darti una mano in più. Mi dispiace che questo sia stato poco sottolineato. Negli ultimi mesi abbiamo avuto 7-8 assenze importanti, ci dispiace non aver potuto fare qualcosa in più ma solo perché abbiamo avuto una carenza importante”. 

Su Martinelli

“Martinelli ragazzo generoso e che ha tanta voglia di fare, lavora da inizio anno in silenzio e lavora bene, ha avuto poche occasioni rispetto all’anno scorso perché si è alzata l’asticella. Ha avuto poco spazio, oggi entra 15 minuti e risponde presente.  Quello è motivo d’orgoglio e soddisfazione, che anche chi gioca poco entra sul pezzo e ti segue”.