post

CAVALLARO: “Non abbiamo mai demeritato con il Latina, i ragazzi piangevano negli spogliatoi. Il futuro? Voglio continuare però è la società a decidere”

Le parole di mister Cavallaro sulla gara, sulla stagione e sul futuro della Nocerina



Sulla gara e sulla stagione


“Nei tre incontri con il Latina non abbiamo mai demeritato con una squadra che all’inizio puntava a stravincere il campionato, squadra importante e forte. Non ci hanno mai fatto gol su azione  subendo rete da angolo e da rigore, molto dubbio, perché Donida intercetta con la gamba e poi scivolando con il braccio, per regolamento non deve essere rigore. Entrambe le squadre hanno giocato un buon calcio, a viso aperto e ben messe in campo, nel primo tempo il rigore era netto il loro però abbiamo avuto 3-4 palle gol per sbloccarla. Nel secondo tempo abbiamo avuto un’occasione importante con El Bakhtaoui ed è stata una gara equilibrata e questo volevamo. Subisci un rigore nei supplementari molto dubbio, ad altre squadra gli avresti tagliato le gambe e invece noi abbiamo proseguito con cinque attaccanti e peccato che l’abbiamo pareggiato quasi alla fine, perché se l’avessimo 4-5 minuti prima e ci fosse stato più tempo avremmo fatto un forcing finale e non si sa mai cosa poteva succedere. La cosa che mi dispiace di più che l’errore non l’abbiamo fatto noi ma l’arbitro. Ci dispiace essere usciti per questo errore perché i ragazzi non se lo meritavano, hanno fatto una grande stagione in punta dei piedi e con tanti problemi che abbiamo risolto con il tempo e con il tempo siamo stati protagonisti. Peccato che nel rush finale ci sono mancati diversi calciatori però ce la siamo giocati contro una squadra che da anni stanno puntando da vincere. Per i ragazzi che non hanno salutato, piangevano negli spogliatoi e ci tenevano ad onorare questa maglia e coronare una soddisfazione loro, per la piazza e per la società. Abbiamo perso per una posizione di classifica, mi auguro che apprezzano quello che abbiamo fatto, quello che hanno fatto ragazzi, società e staff”.

Sull’immediato futuro

“Penso che negli ultimi tre anni questa è la miglior stagione, base importante di giocatori affidabili dove si può essere ancora più protagonisti il prossimo anno. Ovviamente decide la società, io ho questa maglia la tengo addosso e il mio obiettivo è continuare il lavoro e migliorarlo soprattutto, però è la società a decidere e se lo farà saremo contenti, altrimenti aspetteremo chi ci darà la possibilità di lavorare”