post

NOCERINA| Cambia tutta (o quasi) la rosa dei calciatori?

 

La continuità nel calcio è essenziale ma a quanto pare non la pensa o non può pensarla allo stesso modo la Nocerina

Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi

Citazione di Tancredi nel Gattopardo di Luchino Visconti; questa frase raccoglie in sé l’essenza dell’antica nobiltà italiana che, incarnata dal principe di Salina, il quale intendeva la vita come un rifiuto al trasformismo che negli anni relativi all’unità di Italia caratterizzava gli arrivisti e i politici del tempo. 

Per far sì che le vite dei protagonisti restino splendenti nel loro mondo dorato, occorre cambiare l’approccio ad un mondo, quello della politica, che sta sempre più assumendo importanza alla fine del XIX secolo.  Ne calcio odierno il concetto è ribaltato, almeno nella maggior parte dei casi:

 “Se vogliamo che tutto cambi –o migliori-, bisogna che tutto resti com’è”

Difficile ottenere il cambiamento di risultati restando uguali a sé stessi? In un campionato dove le grandi squadre stravolgono i propri concetti di gioco cambiando tecnici dopo anni di ricercata continuità e dove il mercato si trascinerà fino all’inizio del campionato a settembre, alcune squadre di serie D concedono ai giocatori una solida guida tecnica, concetti di gioco già rodati e una tranquillità figlia del know how sviluppato nel corso della stagione appena terminata. Questo fattore non può essere ignorato in serie D che si svilupperanno nel corso dell’anno: la corsa alla vittoria del campionato (che purtroppo anche per questo anno non interesserà la Nocerina), un campionato anonimo o  la lotta alla salvezza  saranno caratterizzate dallo scontro tra il nuovo che ricerca l’affermazione e il vecchio che prova a migliorare il proprio rendimento affidandosi a idee già conosciute

Per quanto riguarda la Nocerina a tutt’oggi non si conoscono i rinnovi dei contratti e da indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione sembra che saranno pochi i calciatori che rimarranno in rossonero e quindi non vi sarà nessuna continuità e che, per ritornare al Gattopardo, tutto cambierà per rimanere tutto come è. Saremo ben felici di essere smentiti