post

Mister Pizzulli:”Nocerina squadra importante; venderemo cara la pelle”

Le parole dell’allenatore del Martina Massimo Pizzulli in vista della gara di domani contro la Nocerina:

Che insidie può nascondere la gara di domani?
Nel girone h tutte le partite sono insidiose; la Nocerina è una squadra importante che ha giocato in categorie superiori, con una storia centenaria e tifosi calorosi. Noi abbiamo gli stimoli giusti e vogliamo dare continuità a quanto fatto domenica scorsa.

Cosa ha lasciato di positivo la gara di domenica scorsa?
Ogni domenica vediamo cosa va e cosa non va e si cerca di perfezionare quello che non ha funzionato. Negli ultimi cinque minuti dopo il due a zero abbiamo allentato la morsa e abbiamo subito gol. In questa categoria bisogna tenere sempre i ritmi alti e rispetto al Casarano c’è stata più cattiveria ed esperienza.

A che punto è il Martina dopo un mese e mezzo di lavoro?
Sicuramente è un Martina che ha continuità tecnica da due anni e tra le matricole siamo quelli che hanno fatto più punti. Siamo fiduciosi per il futuro e meritavamo qualcosa in più dei tre punti che abbiamo. La squadra si basa sul gruppo e le assenze non pesano. Domenica cercheremo di regalare la prima gioia casalinga ai nostri tifosi.

Si è parlato tanto di Cristiano Ancora. Cosa ne pensa dopo queste due giornate?
E’ merito suo ed è inutile negarlo così come tutti gli altri calciatori della rosa che sono stati confermati dopo il campionato di eccellenza. Non ci poniamo limiti e domenica dopo domenica vogliamo migliorare con umiltà.

Com’è affrontare un collega come Sannino?
Domenica ho affrontato Karel Zeman che ha allenato anche tra i professionisti ed è preparato per la categoria; rispettiamo tutti, siamo partiti dal basso e abbiamo fatto tanta gavetta. Troveremo una squadra allenata da un’allenatore importante ma troveranno un Martina che venderà cara la pelle.

Domenica i tifosi saranno importanti come lo sono stati contro Casarano e Lavello.
C’è grande attaccamento della città alla squadra e ci hanno seguito dovunque. Col Casarano sono stati l’arma in più e sono convinto che domenica saranno l’uomo in più.