• Gio. Lug 18th, 2024

NOCERINA – GLADIATOR: MINIMO SFORZO, MASSIMA RESA. “GADAGOL” SPACCA ANCORA LA PARTITA. MIGLIORI E PEGGIORI TRA I ROSSONERI.

Difrancesco aufiero

Set 18, 2023

La Nocerina si impone al Piccirillo di Santa Maria di Capua Vetere, per due reti a zero contro un buon Gladiator che senza demeritare deve arrendersi agli uomini di Esposito.
La gara, avara di emozioni, era incanalata verso uno scialbo 0-0 fino a quando un cortocircuito della difesa nerazzurra spalanca le porte ai Rossoneri delle due Nocera.
Di seguito Migliori e Peggiori tra le fila Rossonere.

MIGLIORI:
ALESSANDRO DA PROCIDA. Sembra l’appellativo di un imperatore o un conquistatore, ed a conti fatti è proprio così. Il folletto isolano entra a venti minuti dal termine e spacca ancora una volta la partita con degli strappi perpetui che fanno ammattire la difesa guidata dall’ex Rossonero Mansi.
Il gol dello 0-2 è tutto suo: progressione palla al piede che brucia centrocampo e difesa avversaria, punendo i nerazzurri di Mr. Pezzella e sancendo definitivamente il match in favore dei suoi. Certamente questo ragazzo, appena diciottenne, deve crescere e fare il suo corso ma dà l’impressione di meritare ampiamente la casacca Rossonera rivelandosi, chissà, l’arma in più che “sposta gli equilibri”.
Il nomignolo è già stato trovato dai tifosi, Lui è Gadaleta ma per i tifosi “GadaGol”.

MINIMO SFORZO, MASSIMA RESA. Ok, il gioco latita, anzi deficita anzi è inesistente, però concedetemi una personalissima riflessione: non me ne frega nulla! Chissà quanti la penseranno come me, e chissà quanti invece no.
Se c’era da sistemare prima di tutto l’emorragia in difesa, possiamo dire che tra le maglie difensive rossonere non transitava neanche uno spillo o un soffio d’aria, quindi per il momento va bene così. Per il resto si può sempre migliorare dato che è dello stesso avviso anche l’allenatore del Gladiator Pezzella, il quale in zona mista ai nostri microfoni esprimeva una considerazione estremamente lapidaria: “La Nocerina tra qualche settimana, o al massimo un mese, avrà una faccia completamente diversa rispetto a quella vista oggi”.
Oh se lo dice lui che di mestiere fa l’allenatore…

PEGGIORI:

LA NOIA. Difficilmente ricordo una partita così abulica di azioni salienti! I primi 45’ sono stati talmente avari di emozioni che si contavano gli sbadigli dalle tribune. Mai fu più atteso il duplice fischio del Sig. Tagliente di Brindisi.

INFERMERIA SEMPRE PIU’ PIENA: Le partite costano molto caro alla Nocerina in termini di infortuni.
Per carità la priorità sono i tre punti, però alla lista degli acciaccati si aggiungono anche Crasta e Caccavallo. Specie quest’ultimo esce al 30’ del primo tempo per noie muscolari costringendo il proprio allenatore al primo stravolgimento tattico con l’ingresso di Piccioni e quindi la seguente composizione del tandem offensivo con Parravicini.
Un trend negativo che affligge la Nocerina sin dalle primissime partite stagionali e che non sembra avere fine. L’augurio è che Caccavallo, Crasta, Petti, Faissal e Manzi possano quanto prima riprendersi e tornare in campo per difendere i nostri colori del cuore!