• Dom. Mag 26th, 2024

NOCERINA-ISCHIA 1-0| FANTONI: “Aria di Nocera impareggiabile, i tifosi sono la nostra carica; testa ai playoff”

Ai microfoni di NocerinaLive, in zona mista, è intervenuto Gianmarco Fantoni, portiere dei molossi. Queste le sue parole:

Si è conclusa una regular season a due facce, nella seconda parte avete recuperato un intero campionato e siete riusciti a concluderlo al secondo posto…
“Si, il girone di ritorno è stato immenso, ma il girone di andata ci ha penalizzato, potevamo fare di più e arrivare più in alto. Questa gara ci darà la carica per le prossime.”

Oggi sei stato impegnato in interventi importanti e decisivi, ad esempio, la parata nel sette. Nel secondo tempo, invece, il reparto offensivo si è ripreso ed ha cambiato il risultato della gara…
“Secondo me, i meriti vanno anche all’Ischia, ci hanno messo in difficoltà più volte, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo tenuto botta con tranquillità e prontezza, poi nel secondo li abbiamo schiacciati noi nella loro metà campo e siamo riusciti ad andare in vantaggio.”

Domenica torna il Cassino a Nocera, che gara ti aspetti?
“Sicuramente la partita scorsa contro di loro ci darà tanti spunti su cui riflettere e migliorare, soprattutto per evitare di commettere gli stessi errori e di concluderla con lo stesso risultato.”

Quest’anno tu e Venturini vi siete divisi e contesi la porta, un dualismo che ha funzionato…
“Durante il gol, sono andato ad abbracciare Giacomo. Lui nel corso della stagione si è fatto male e io sono subentrato, facendo bene e continuando da titolare. Siamo molto amici e abbiamo un rapporto fantastico, è questo che ci ha portato a fare ancora meglio.”

È il tuo primo campionato in Serie D, arrivando dalle giovanili. Com’è stato il tuo anno qui a Nocera e com’è stato l’impatto “tra i grandi”?
“Sicuramente fare un anno a Nocera è importante, ovunque andrò ricorderò quest’area impareggiabile, grazie anche ai tifosi che danno quella carica importante che ci porta a fare bene, infatti le gare a porte chiuse sono una sorta di sofferenza e differenza si nota.”