• Mer. Giu 12th, 2024

Playout, il ricordo di D’Angelo e quel Nocerina-Sora per caricare la squadra: “Tifoseria 12° uomo”

Settimana cruciale per i molossi, in 90 minuti si deciderà il futuro rossonero, la gara da dentro o fuori ricorda per certi versi l’impresa del 1997 contro il Sora

Abbiamo per l’occasione chiesto a Salvatore D’Angelo, uno dei protagonisti di quella gara del San Francesco, quali siano gli ingredienti per far propria la gara: “La squadra deve scendere in campo con determinazione, spirito di sacrificio e con una giusta cattiveria agonistica” ci dice “Anche perché con una tifoseria come quella di Nocera non dovrebbero avere problemi perché sicuramente sarà il 12 uomo in campo! Gli faccio un grandissimo in bocca al lupo e forza Nocerina.

Nel 1997 la Nocerina, concluse il campionato di C1 al 14° posto finendo ai play-out per classifica avulsa. In una stagione che vide l’avvicendarsi di Maestripieri e Balugani in panchina, ma ricordata soprattutto per la notte del Partenio del 23 Ottobre, quando la Juve tremò.

Ai play-out la Nocerina prese il Sora, giocando in Ciociaria il 1° Giugno del’97 e perdendo 2-1 coi gol di Monaco e Ripa per i bianconeri, con Zian a tenere accese le speranze dei molossi. Al ritorno nella bolgia del San Francesco, alla rete di Lorenzini risposero Molino e Fabris, che condannarono il Sora per peggior piazzamento in classifica. Un risultato che permise ai molossi non solo di salvarsi, ma di sfiorare l’anno dopo la promozione in Serie B, perdendo la finale dei play-off ad Ancona.

Ancora una volta i molossi sono chiamati a salvare il blasone, coi tifosi che dovranno fare la loro parte.