• Mer. Giu 12th, 2024

INTERVISTA ESCLUSIVA| GRASSO: “NON MOLLO”

DiSalvatore Prete

Ott 24, 2022
nunzio grasso

Al termine della gara pareggiata in terra pugliese contro il Barletta di mister Farina la nostra redazione ha raggiunto telefonicamente l’A.D. molosso Nunzio Grasso con il quale sono stati affrontati alcuni temi tecnici della gara ed un primo bilancio di questo primo scorcio di campionato.

Buonasera Grasso, soddisfatto della gara di oggi?

“Direi che la Nocerina ha strappato, con orgoglio e determinazione, un punto d’oro su un campo difficile e contro una squadra che sta attraversando un ottimo momento dal punto di vista atletico e mentale. Non era facile uscire indenni dal Pittulli oggi sia per le oggettive condizioni dell’avversario sia per le condizioni ambientali, avendo trovato una tifoseria avversaria numerosa e rumorosa. I ragazzi, però, hanno sfoderato una prestazione di carattere, difendendosi con ordine e provando a sorprendere il Barletta quando possibile”.

Oggi la Nocerina è sembrata essere meno spumeggiante delle altre uscite stagionali, come mai?

“In settimana i ragazzi hanno lavorato duramente sapendo di affrontare un avversario ostico, soprattutto tra le mura amiche. Sapevamo di dover soffrire se volevamo portare a casa un risultato positivo e così è stato. Mi preme sottolineare la compattezza della squadra che non si è mai disunita nel corso della gara, i ragazzi si sono aiutati vicendevolmente, hanno combattuto su ogni pallone da veri molossi fino al 95esimo.”

Abbiamo visto che ci sono state alcune variazioni rispetto alla formazione titolare che aveva battuto il Brindisi. Scelte tattiche o altro?

“Oggi, anche se non si è visto, avevamo una squadra fortemente rimaneggiata, con Mincica e Magri out per noie muscolari, Talamo e Romeo non al meglio della condizione, i quali, tra l’altro, hanno dovuto lasciare il campo anzi tempo per il riacutizzarsi dei loro reciproci fastidi, Ambro a mezzo servizio, che ha ripreso gli allenamenti a pieno ritmo solo da qualche giorno, Cuomo, fermato da un’influenza intestinale, Stagkos e Mancino non al meglio e, da ultimo, gli infortunati di lungo corso Giacomarro e Kahlil. Affrontare una gara così importante con tutte queste defezioni non era affatto un compito agevole. Non dimentichiamo che la Nocerina ha concluso la gara con sei under in mezzo al campo e, nonostante tutto, alla fine stavamo facendo il colpaccio.”

Possiamo trarre un primo giudizio su questo inizio di campionato dei molossi?

“Il nostro avvio di campionato, purtroppo, è stato funestato da circostanze negative che avrebbero abbattuto un elefante, ma noi siamo molossi e non demordiamo. Infortuni, squalifiche, vicissitudini tecniche ed errori strategici in sede di mercato ci hanno accompagnato in queste prime 8 gare che, tra l’altro, ci hanno visto affrontare, proprio nel pieno della tempesta, quasi tutte le squadre candidate al salto di categoria ma…ad eccezione della sconfitta di Pomigliano contro l’Afragolese, determinata da qualche errore individuale ma anche da scelte arbitrali poco condivisibili, abbiamo dimostrato il nostro valore conquistando 5 punti sui 9 in palio, strappando due pareggi esterni su campi davvero ostici.”

 

Guardando al futuro cosa si sente di dire al popolo rossonero?

“Beh in primo luogo mi preme ringraziare i ragazzi della curva che, nonostante tutto, non hanno fatto mai mancare il sostegno alla squadra sostenendo i ragazzi incessantemente, dimostrando, come sempre, il loro attaccamento alla maglia, a prescindere dalla categoria e dall’andamento del campionato. Ieri, infatti, per tutti noi e anche per gli atleti è stato un vero dispiacere non poter esultare al goal di Basanisi, ma rispettiamo le scelte delle Autorità, auspicando, per il futuro che venga consentito alla tifoseria molossa di seguirci in massa, anche fuori casa. Ci aspetta un novembre impegnativo, i ragazzi e mister Zavettieri sanno che in questo mese dobbiamo ottenere il massimo per presentarci all’apertura del mercato di riparazione con immutate velleità di lottare per il vertice. Restare aggrappati al treno delle prime ci consentirebbe, infatti, di provare a mettere a segno qualche colpo di mercato in grado di aumentare il valore della rosa, circostanza che ci possa consentire di dire la nostra fino al termine del campionato. Chiedo, quindi, a tutta la tifoseria di continuare a sostenerci, ancora con maggiore vigore, affinchè, grazie al loro aiuto ed al loro sostegno, questi ragazzi possano dare il massimo, gettando il cuore oltre l’ostacolo regalando loro le soddisfazioni che meritano. Forza Molossi.”