• Mar. Mag 21st, 2024

Serie D, la stagione 2023/2024 potrebbe vedere un’egemonia campana

Una massima serie dilettantistica che può assumere quasi il sapore di un campionato monopolizzato da una sola regione.

Siamo alle battute finali dei vari campionati ed i verdetti stanno dando importantissime indizi sugli scenari della scorsa stagione.

La serie D ha questa stagione salutato quattro campane, ovvero il Nola, la Puteolana, la Mariglianese e la Real Agro Aversa che sono retrocesse in Eccellenza. In compenso però, dalla massima serie regionale sono state promosse Ischia e San Marzano che hanno vinto i propri gironi. Dalla C invece retrocede ai play out la Gelbison, che non è riuscita nell’impresa col Messina ai play out, saluta invece positivamente la D il Sorrento di mister Maiuri che effettua il sorpasso all’ultima curva e vola in C. Mentre in D sono salve la Nocerina, ed oggi anche l’Angri che ha regolato i laziali per tre reti a zero. Non sono riuscite nel salto di categoria invece la Paganese e la Cavese, che all’ultimo atto della stagione devono abbandonare insigni di gloria. Stessa sorte è toccata anche alla Casertana, seppur si può consolare per il play off vinto contro la Paganese al Torre. Nessun problema invece per Santa Maria, Afragolese, Gladiator, Portici, Palmese e Matese che si sono salvate regolarmente. L’anno prossimo quindi ci sarà molto da lavorare per la lega, affinché si possano collocare le squadre nei vari gironi. Ad oggi, escludendo eventuali ripescaggi (vedi il Savoia) e gli esiti del playoff nazionale di Eccellenza, le squadre campane in D sono ben quattordici, potendo in pratica realizzare un girone interamente campano. Pura utopia, ovviamente, visti i noti problemi di ordine pubblico che le rivalità fra tifoserie potrebbero scatenare.

Certo è pur vero che l’idea di un girone a maggioranza campana susciti ricordi dal vecchio sapore, col ricordo che va ai campionati di Serie D unicamente Campani, al massimo con delle squadre molisane, degli anni ’80, dove si inscenavano dei derby infuocati e dal sapore unico.

Bisogna però aspettare il mese di luglio per scoprire gli accoppiamenti, che ovviamente vedranno le campane distribuite tra i gironi G, H ed I.