Seguici sui nostri social

HOME

Quei molossi qualsiasi che presero il loro soprannome dopo la vittoria contro il Napoli

Published

on

Novantaquattro anni fa fu il giorno che segnò l’inizio del mito dei molossi
Era il 6 gennaio 1928 quando fu organizzata un’amichevole allo stadio Arenaccia tra il neo Napoli nato da poco più di un anno e la Nocerina. 
Un’amichevole che sarebbe dovuta essere un allenamento per il club partenopeo ma che si trasformò in una sorprendente vittoria dei rossoneri che si imposero 1-0 in trasferta grazie al gol di Cerasoli e alle ottime parate di Alfieri. 
Un cronista napoletano presente allo stadio, colpito dalla caparbietà e della grinta mostrata dai calciatori della Nocerina li etichettò come “molossi”.
Nessuno quel giorno di 94 anni fa, ne tanto meno il giornalista, poteva mai immaginare che da quel giorno in poi la Nocerina avrebbe avuto questo soprannome che l’ha accompagnata a cavallo di questi due secoli sia nei momenti di gloria ma anche in quelli difficili e che questa tipica razza canina sarebbe diventata il simbolo per eccellenza per migliaia di supporters rossoneri. 
Il 6 gennaio 1928 quando quei molossi qualsiasi presero il loro soprannome dopo la vittoria contro il Napoli. 
Il club partenopeo che tra l’altro, nella stagione 1961-62, si aggiudicò la sua prima storica Coppa Italia con un presidente nocerino Alfonso Cuomo. 
Un titolo quello letto ieri che fa certamente male soprattutto pensando alla simpatia tra i due popoli che c’è sempre stata storicamente e culturalmente, ma che sappiamo benissimo che si è trattato semplicemente di un pezzo sporadico. 

Pubblicità